Possibilità di risparmiare. Di mettere a frutto un “tesoretto” nascosto negli armadi, o in cantina, stimato in circa mille euro a famiglia. Sperimentazione di un nuovo hobby a costi contenuti. E naturalmente difesa dell’ambiente, a partire dalla possibilità di dare nuova vita a prodotti usati. Queste le dinamiche principali che animano l’economia degli acquisti di seconda mano.