“Tutti a terra! Siamo in ferie”. Con poco preavviso e scarse informazioni, Ryanair ha comunicato all’inizio della settimana che, per consentire al suo personale di smaltire i giorni di riposo non goduti, avrebbe cancellato 2.000 voli fino alla fine di ottobre.