AIE: twitter anche per scegliere i libri

Twitter anche per scegliere i libri da leggere. Tra le funzioni del social network si sta affermando anche la capacità di orientare gli acquisti editoriali dei consumatori. Emerge da una ricerca dell’Aie presentata al Salone del Libro che si conclude oggi a Torino. La percentuale di chi sceglie un determinato titolo proprio attraverso il web: era l’11% nel 2007, il 15% nel 2009, si arriva al 19% nel 2012. Sono 506 su 8440 gli editori italiani attivi nell’anno. In primis usano facebook (circa la metà degli editori italiani, ma ben l’84,2% di chi è attivo in rete), al secondo posto usano twitter (il 39,3% degli editori, ma ben il 66,8% di quelli attivi in rete), ma avanza anche l’utilizzo di social più visivi come YouTube, Pinterest Flickr che segnano un (impercettibile) spostamento verso un nuovo tipo di comunicazione editoriale: un tempo erano le copertine dei libri da sfogliare, oggi sono video, booktrailer e immagini a catturare l’attenzione.

Questo vale tanto per le case editrici grandi (più mainstream) e quelle più piccole (specializzate su nicchie di domanda di lettura: tendenzialmente delle comunità). Il 41,8% delle case editrici attive in rete usa più di tre strumenti simultanemente.

Il 90% degli editori che usano twitter non fanno più di 5 tweet al giorno. Solo il 2,5% degli editori che lo utilizzano fa 10 o più Tweet al giorno. E solo il 2,5% totalizza più di 90mila Followers e solo il 3,5% più di 1.000 following.

Intanto per conquistare e fidelizzare i lettori, l’Aie con il sostegno dell’Associazione Librai Italiani (ALI) lancia la campagna “Abbraccia le tue passioni”, l’iniziativa che vede dal 23 al 27 maggio il 20% di sconto su centinaia di migliaia di libri: romanzi, saggi, fiabe e racconti. Torna infatti, in collaborazione con i librai indipendenti, con le catene, le librerie online e la grande distribuzione l’appuntamento nazionale che “festeggia” in modo eccezionale il Maggio dei Libri e fa crescere la lettura in Italia.

 

Comments are closed.