Apple, il CRTCU invita a raccontare la propria esperienza

Il CRTCU ritorna a parlare di una vicenda molto “cara” ai consumatori: la garanzia Apple e i suoi tranelli già sanzionati dall’Antitrust. Il Centro di Ricerche Trentino invita, infatti, i consumatori, che hanno acquistato un prodotto Apple dopo il 16 agosto 2009, a raccontare la propria esperienza (info@centroconsumatori.it). Ma facciamo un passo indietro: nel 2011 l’Agcm ha condannato le società COMET S.p.a., Apple Sales International e Apple Italia S.r.l. alla sanzione di 900.000,00 € per aver messo in atto due distinte pratiche commerciali scorrette:

1) presso i propri punti vendita e/o sui siti internet apple.com e store.apple.com, sia al momento dell’acquisto che al momento della richiesta di assistenza, non informavano in modo adeguato i consumatori sui diritti di assistenza gratuita biennale previsti dal Codice del Consumo, ostacolando l’esercizio degli stessi e limitandosi a riconoscere la garanzia convenzionale del produttore di 1 anno;

2) le informazioni date su natura, contenuto e durata dei servizi di assistenza aggiuntivi a pagamento AppleCare Protection Plan, unite ai mancati chiarimenti sull’esistenza della garanzia legale biennale, erano tali da indurre i consumatori a sottoscrivere un contratto aggiuntivo quando la ‘copertura’ del servizio a pagamento si sovrappone in parte alla garanzia legale gratuita prevista dal Codice del Consumo.

A seguito della condanna, le società hanno impugnatola decisione dell’Agcm, con ricorso tuttora pendente, avanti il TAR Lazio che per ora ha respinto le istanze di sospensione cautelare presentate dalle società rimandando al 9 maggio la trattazione del merito.

Ciò nonostante Apple continua a non rispettare la legge europea e nazionale sulla garanzia. Le associazioni europee di consumatori hanno inviato una diffida alla società e alcune testimonianze video di associazioni nazionali di consumatori testimoniano il perdurare della prassi commerciale sleale.

 

Un commento a “Apple, il CRTCU invita a raccontare la propria esperienza”

  1. Lorenzo Baraldo ha detto:

    Solo una precisazione: Comet non è stata condannata a nessuna multa, perchè aveva già correttamente messo in pratica le direttive Antitrust. Per cui Comet è stata indagata, ma non sanzionata.