Aumento Iva, Adusbef e Federconsumatori: al via campagna “Fotografa il prezzo”

L’Iva è aumentata al 22% e sono numerosissimi i prodotti di largo consumo interessati da questo provvedimento, ripetutamente contestato dalle associazioni dei consumatori che parlano di una ulteriore stangata per le famiglie. Non solo: c’è preoccupazione anche per aumenti anomali dei prezzi, come denunciano Federconsumatori e Adusbef che dichiarano di aver ricevuto molte segnalazioni da parte dei cittadini su rincari non giustificati. “Se da un lato, infatti, alcune catene ed esercenti si sono impegnati, anche pubblicamente, a contenere gli effetti dell’aumento al 22%, dall’altro lato vi sono molti commercianti pronti a lucrare a spese dei cittadini”, denunciano le due associazioni, che per smascherare gli aumenti spropositati hanno deciso di lanciare la campagna “Fotografa il prezzo”.

Invitiamo tutti i cittadini a fare la foto dei prezzi più assurdi applicati all’indomani dell’aumento Iva, specificando il negozio presso il quale tale prezzo è applicato e, qualora fosse disponibile, facendo il confronto con il prezzo applicato in precedenza”, dichiarano Elio Lannutti e Rosario Trefiletti, presidenti Adusbef e Federconsumatori. Le foto dei prezzi e degli scontrini più assurdi saranno caricati sui siti internet delle associazioni e sui social network e sarà redatto un elenco dei “cattivi venditori”. “Inoltre segnaleremo tale fenomeno alle autorità competenti, chiedendo di avviare le dovute verifiche – concludono le due associazioni – Vogliamo ricordare, infatti, che questi intollerabili aumenti incidono su un potere di acquisto già ridotto ai minimi termini e contribuiranno ulteriormente alla contrazione dei consumi, che nel biennio 2012-2013 già si attesta al -7,8%, pari a una diminuzione complessiva della spesa delle famiglie di circa 60 miliardi di euro”.

Comments are closed.