Auto usate? UNC: prima di scegliere consultare lo IUP

Si chiama IUP e sta per Indice di Uso Pregresso. E’ il sotware messo a punto dall’Unione Nazionale Consumatori che consente di valutare se il prezzo richiesto per un’auto usata è congruo.  “L’Italia è all’ultimo posto in Europa per la propensione all’acquisto dell’auto usata e l’unico Paese dove oltre il 60% delle transazioni avviene tra privati” commenta Massimiliano Dona, Segretario generale dell’Associazione, che aggiunge: “in un momento in cui il settore auto è al collasso è soprattutto per risparmiare che i consumatori preferiscono acquistare un auto da privati, ma anche se l’acquisto può risultare più conveniente, ricordiamo, che in caso di problemi non vale la ‘garanzia legale’, come per gli acquisti in un concessionario”.

“Lo IUP – spiega Dona –  fa parte di una normativa sviluppata dall’Unc, denominata Auto Futura, per l’applicazione dei princìpi introdotti dal Codice del Consumo (d.lgs 206/2005) al mercato dell’auto usata. Ad oggi sono circa 500 i commercianti e concessionari che hanno aderito all’iniziativa e che rispettano i criteri di trasparenza richiesti”.

I consigli? In generale è buona regola prima di procedere all’acquisto, confrontare i prezzi dello stesso modello su vari siti; poi naturalmente è bene vedere l’auto di persona, meglio se in compagnia di un esperto.

Comments are closed.