Carta Vivaweb per e-commerce, Altroconsumo: non è più sicura delle altre carte

La Carta Vivaweb è la nuova carta di credito firmata Compass, pensata apposta per l’e-commerce. Si presenta, infatti, con un’aurea di sicurezza maggiore rispetto alle altre carte di credito. Gli slogan utilizzati per il lancio sono eloquenti: “la prima carta nata per l’e-commerce”, “supersicura su internet” e “protezione totale contro le frodi”.

Ma Altroconsumo solleva qualche perplessità sulla sicurezza “maggiore” di questa carta: il meccanismo con cui genera codici usa e getta da usare per autorizzare le operazioni di acquisto sul web è simile a quello dei token dell’home banking. Sul retro della carta ci sono una micro tastiera integrata e un display alfanumerico che generano le password, valide per una sola operazione di pagamento. In questo caso, però, il token è incorporato nella carta (sul retro) quindi se qualcuno si impossessa della carta e riesce a carpire il Pin, ha in mano tutto l’occorrente per fare pagamenti online.

Inoltre, secondo Altroconsumo, dal punto di vista economico, la carta non è conveniente: con un costo annuo di 68,22 euro è solo 62esima nella classifica della banca dati dell’Associazione che include le carte di credito sul mercato. Questo posizionamento è riferito al profilo di utilizzo predefinito basato su: 12 estratti conto sopra i 77,47 euro, un prelievo di 100 euro e pagamenti di 200 euro extraeuro, spesa media di 4.500 euro.

Positiva, invece, la presenza di una clausola con cui Compass si impegna a riaccreditare le somme contestate per pagamenti fraudolenti online entro 45 giorni dalla denuncia.

Comments are closed.