Natale, Codacons: su i prezzi dei giocattoli, spesa media di 187 euro a persona

Costeranno di più giocattoli, alimentari e regali, mentre scende a 187 euro la spesa a persona stimata per Natale. Soprattutto sul versante dei giocattoli, si segnalano aumenti del 4,5% per una bambola di marca e del 5,7% per un bambolotto di marca, del 3,8% per le costruzioni, del 7,5% per un peluche, del 3,2% per l’automobile radiocomandata: tutti prezzi che andranno da circa 34 a 55 euro. Sono i conti fatti dal Codacons e relativi alle spese di Natale. Si segnalano ancora gli aumenti dei regali quali occhiali o borse griffate, mentre i libri sono in calo del 4,6%.

Secondo il Codacons, quest’anno costerà di più acquistare l’albero di Natale vero (+4,7%) ma non la classica Stella di Natale, il cui prezzo è rimasto stabile rispetto allo scorso anno. Sul versante degli alimentari, si spenderà di più per torrone (+2,7%), lenticchie (+2,2%) e vino (+3,5%), ma si risparmierà sullo zampone (-0,9%) e sul panettone di marca (-0,5%). Nota dolente, come già detto, i giocattoli, per i quali i listini hanno subito subìto sensibili aumenti.

La spesa procapite relativa alle festività natalizie, comprensiva di regali, spese per la casa, alimentari e viaggi, scenderà quest’anno a quota 187 euro, con una flessione media del 15% rispetto al 2011. “Gli italiani tirano la cinghia anche sulle spese di Natale e, considerata la situazione in cui versano le famiglie, appare inevitabile – afferma il presidente Codacons, Carlo Rienzi – Il 2012 ha fatto segnare un vero e proprio salasso per i cittadini, tra Imu, aumento delle tariffe, carburanti alle stelle, e le aspettative per il futuro, come dimostrato anche dall’Istat, non sono certo rosee. In tale quadro, gli acquisti delle famiglie durante le festività natalizie saranno improntati alla prudenza e al risparmio”.

Comments are closed.