Consumi, Confcommercio: in caduta. Male anche le tlc

Nel primo quadrimestre dell’anno in corso, l’indicatore dei Consumi Confcommercio ha registrato una flessione del 4,4% . La dinamica tendenziale dell’ICC di aprile riflette una diminuzione del 2,2% della domanda relativa ai servizi e del 4,6% della spesa per i beni. Nel mese di aprile 2013 tutte le funzioni di consumo hanno evidenziato una diminuzione dei volumi acquistati dalle famiglie. Anche i beni e servizi per le comunicazioni hanno mostrato una contenuta flessione della domanda nei confronti dell’analogo mese del 2012 (-0,1%).

Tale andamento ha riflesso l’attenuarsi dei tasso di crescita dei prodotti. Il dato più negativo è ancora quello relativo ai beni e servizi per la mobilità la cui domanda registra una contrazione del 7,5% su base annua. Riduzioni dei consumi particolarmente significative hanno interessato anche l’abbigliamento e le calzature (-6,7%) e gli alimentari, le bevande ed i tabacchi (-6,2%). I dati destagionalizzati mostrano ad aprile una riduzione dello 0,1% rispetto a marzo. La contrazione della spesa reale pur avendo assunto negli ultimi mesi toni meno intensi rispetto alla seconda parte del 2012 non evidenzia segnali di una possibile inversione di tendenza nel breve periodo (tab. 3). La distanza con i volumi pre-crisi, ultimo trimestre del 2007, supera ormai gli 11 punti percentuali. Nel mese di aprile, a fronte di aumento della domanda per servizi (+0,5%) i beni hanno mostrato una flessione dello 0,4%.

Ad aprile 2013 il mercato del lavoro ha registrato, sia in termini congiunturali che tendenziali, un nuovo peggioramento. Rispetto a marzo 2013 gli occupati sono diminuiti di 18mila unità ed i disoccupati sono aumentati di 23mila unità. Su base annua gli andamenti dei due aggregati sono risultati speculari, con una riduzione di 373mila tra gli occupati ed un analogo aumento delle persone in cerca di occupazione. Le informazioni sulla CIG relative ad aprile segnalano l’accentuarsi delle difficoltà del mercato del lavoro. Nei primi quattro mesi dell’anno le ore autorizzate hanno mostrato un aumento del 13,1% rispetto all’analogo periodo dello scorso anno, con una punta del 63,8% per la CIG straordinaria. Va anche considerato che nello stesso periodo i ritardi nel rifinanziamento delle risorse hanno portato ad una netta riduzione delle ore richieste per la CIG in deroga (-54,4% nel primo quadrimestre), situazione destinata a modificarsi nei prossimi mesi.

Comments are closed.