Prezzi, Istat: inflazione ancora in discesa. A giugno rallenta all’1,2%

Per il secondo mese consecutivo i prezzi al consumo e l’inflazione frena all’1,2% su base annua, mentre diminuisce dello 0,1% rispetto al mese precedente. Lo rileva l’Istat che conferma quindi le stime preliminari.

Il rallentamento dell’inflazione, dice l’Istituto Nazionale di Statistica, si deve principalmente alle componenti merceologiche i cui prezzi presentano maggiore volatilità: Alimentari non lavorati (-1,9%), in particolare frutta e verdura, e Energetici non regolamentati (-1,6%). A mitigare questo rallentamento i prezzi dei Servizi relativi ai trasporti, che accelerano di nuovo (+4,1% da +3,2% di maggio).

Su base annua rallenta la crescita dei prezzi dei beni (+0,9% da +1,6% di maggio), mentre accelera, seppur di poco, il tasso di crescita dei prezzi dei servizi (+1,5% dal +1,4%). I prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona diminuiscono su base mensile (-0,7%) e crescono su base annua (+0,7% da +1,6% di maggio).

I prezzi dei prodotti ad alta frequenza di acquisto scendono dello 0,5% in termini congiunturali e aumentano dello 0,9% su base annua, dimezzando la crescita (era +1,8% nel mese precedente).

Stando quindi a questi dati, l’O.N.F. – Osservatorio Nazionale Federconsumatori, ha calcolato che, per una famiglia media, le ricadute di tale incremento dei prezzi ammontano a +363,00 euro annui che diventano, per una famiglia di 3 persone, pari a 423,93 euro.

La differenza nell’aumento dei prezzi si percepisce anche a livello territoriale: basti pensare che le ricadute, sempre per una famiglia media, ammontano al Nord a 406,22 euro, al Centro a 375,12 euro ed al Sud a 292,60 euro.

“Tale dato appare ancora elevato rispetto alla mancata crescita dei redditi delle famiglie e, soprattutto, alla luce dell’andamento occupazionale, che ancora segna importanti défaillances”, sostiene Emilio Viafora, presidente della Federconsumatori.

 

Comments are closed.