Produzione industriale, Istat: lieve miglioramento

A novembre l’indice destagionalizzato della produzione industriale è aumentato dello 0,3% rispetto a ottobre. Nella media del trimestre settembre- novembre l’indice ha registrato un aumento dello 0,4% rispetto al trimestre precedente. Nella media dei primi undici mesi dell’anno la produzione è scesa del 3,1% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente. Lo comunica l’Istat. A novembre l’indice destagionalizzato registra una sola variazione negativa nel comparto dei beni di consumo (-1,1%). Aumentano invece i comparti dell’energia (+1,3%), dei beni intermedi e dei beni strumentali (entrambi +0,9%).

“La ripresa della produzione di alimenti e bevande è coerente con le previsioni di una contenuta ripresa dei consumi alimentari il Italia nel biennio 2014-15 indicata anche da Prometeia, dopo il brusco calo fatto registrare nel 2013 (-3,9 per cento)” commenta Coldiretti aggiungendo che “ad incoraggiare è però soprattutto il record storico delle esportazioni di prodotti agroalimentari italiani che nel 2013 ha raggiunto il massimo di sempre, arrivando a quota 33 miliardi di euro”.

Secondo Federconsumatori e Adusbef, invece, “è ancora troppo timida e debole la ripresa della produzione industriale registrata a novembre”. Per invertire tale tendenza è urgente, sostengono le Associazioni – che il Governo agisca per il rilancio del potere di acquisto delle famiglie, attuando una detassazione a favore del reddito fisso ed avviando un serio piano di investimenti per lo sviluppo e la ricerca (fondamentale per la ripresa occupazionale). È necessario vincolare a tali scopi ogni centesimo risparmiato attraverso:

  • l’attuazione degli annunciati tagli agli sprechi, alle inefficienze, ai privilegi;
  • il potenziamento della lotta all’evasione fiscale;
  • l’avvio di un deciso intervento sulle speculazioni delle filiere produttive, che continuano a determinare aumenti ingiustificati di prezzi e tariffe (tra l’altro senza offrire alcun miglioramento sul piano dell’efficienza e della qualità).

Comments are closed.