Farmaco per bambini contraffatto, sequestrate 35 mila confezioni di Ozopulmin

I Nas hanno sequestrato tre lotti di supposte di Ozopulmin dell’azienda farmaceutica Geymonat, pari a 35mila confezioni in tutto, usato prevalentemente per i lattanti e i bambini: dovevano curare la tosse ma non lo facevano perché privi di principio attivo. L’azienda non lo aveva più a disposizione ma non voleva smettere di produrre per non perdere la fetta di mercato, così vi aveva inserito una sostanza che ne simulava la presenza durante le analisi. “Controllate se avente in casa Ozopulmin, in caso sospendetene l’uso e consegnate le scatole ai Nas o al farmacista” ha detto il vicecomandante dei Nas, Antonio Diomeda. I farmaci, con scadenza al marzo 2016, sono stati ritirati dal commercio ma 9 mila confezioni potrebbero essere già state utilizzate.

L’indagine è stata condotta con l’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) e l’Istituto Superiore di Sanità (ISS) ed ha portato anche all’arresto ai domiciliari di tre dirigenti, accusati di aver “deliberatamente contraffatto un medicinale utilizzato anche per la cura di affezioni respiratorie di bambini e lattanti”. L’operazione è partita dalla segnalazione al sistema di farmacovigilanza da parte di un farmacista.

Il Ministro della salute Beatrice Lorenzin ha espresso grande soddisfazione per il lavoro di Nas, ISS e AIFA: “Ho voluto chiamare personalmente il Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri Leonardo Gallitelli – ha dichiarato il Ministro Lorenzin – per esprimere la mia gratitudine ai Nas per lo straordinario profilo  dell’operazione  a tutela della salute dei cittadini, e in particolare di bambini e lattanti. Il sequestro del farmaco Ozopulmin e il fermo dei presunti responsabili della contraffazione – ha proseguito il Ministro  – è stato reso possibile dalla sinergia di tutti gli organi del Ministero della salute impegnati nella salvaguardia della sicurezza del malato e a tutti voglio rivolgere un sentito ringraziamento”.

“Come rappresentante della professione posso sottolineare con soddisfazione che a segnalare le anomalie del medicinale oggetto dell’intervento dei NAS è stato un farmacista. Anche se non sempre dà luogo a casi clamorosi come questo, l’opera di farmacovigilanza è una delle incombenze quotidiane di tutti i farmacisti, che operino nelle farmacie di comunità, nell’ospedale o nelle strutture territoriali. E non a caso è uno degli aspetti sui quali si è concentrata l’attività di formazione della Federazione”, ha detto il presidente della Federazione degli Ordini dei Farmacisti Italiani, Andrea Mandelli a commento della vicenda che ha coinvolto il medicinale Ozopulmin.

Parole di rassicurazione arrivano da Federfarma: “L’Ozopulmin, il farmaco della Geymonat al centro del caso di contraffazione denunciato oggi dai Carabinieri dei Nas, non è più in commercio nelle farmacie italiane da circa un anno”. La precisazione arriva dopo l’appello con cui stamattina il vicecomandante dei Nas ha invitato a non usare il prodotto. “E’ un avvertimento rivolto a pazienti e famiglie – spiega la presidente di Federfarma, Annarosa Racca – perché negli armadietti dei medicinali qualcuno potrebbe ancora avere qualche confezione di Ozopulmin. Abbiamo già dato indicazioni alle farmacie associate perché rivolgano la stessa raccomandazione alla clientela”. Impossibile invece che il farmaco possa essere acquistato: nel giugno dell’anno scorso, infatti, l’Aifa aveva ordinato il ritiro del prodotto da tutte le farmacie del territorio, in concomitanza con l’avvio dell’indagine e i primi controlli dell’Istituto superiore di sanità sui campioni sequestrati.

E si mobilita il Codacons. “Stiamo già predisponendo le basi per una azione collettiva da parte dei consumatori di Ozopulmin finalizzata, una volta accertati gli illeciti, a far ottenere a chi ha acquistato o utilizzato il prodotto il risarcimento dei danni subiti, sia sotto il profilo economico che sotto quello dei rischi sanitari corsi, in relazione all’inefficacia del medicinale e al conseguente possibile aggravamento delle condizioni di salute di chi lo assunto – spiega il presidente Carlo Rienzi – Ci costituiremo inoltre parte offesa nel procedimento nei confronti dei responsabili degli illeciti contestati”.

Un commento a “Farmaco per bambini contraffatto, sequestrate 35 mila confezioni di Ozopulmin”

  1. rossella ha detto:

    Ho una confezione con scadenza ottobre 2013 sono tutte sgretolate!L’anno scorso utilizzandole la bimba mi e’ finita in ospedale con seri attacchi respiratori…. mi chiiesero cosa avessi utilizzato e dissi le supposte ozopulmin la dott dovette intervenire con una puntura di adrenalina in quanto nn passava quasi piu’ aria dalla gola e disse che aveva un’orticaria grave in corso alla gola possibilmente causata dalla corteccia di pino presente nel farmaco adesso cosa devo far
    e con questa confezione?