E-commerce, Commissione Europea vuole migliorare la consegna pacchi

Natale si avvicina e, nonostante la crisi, saranno in tanti a fare i regali online. Ma siamo sicuri che i nostri acquisti arriveranno in tempo per scartarli sotto l’albero? Il rischio di “mancata consegna” è sempre in agguato quando parliamo di commercio elettronico; infatti ancora oggi soltanto il 9% dei consumatori dell’UE acquista online merci provenienti da paesi diversi dal proprio. Sia i rivenditori sia i consumatori credono che ci siano carenze nei sistemi impiegati attualmente per la consegna delle merci ordinate su Internet: il 57% dei rivenditori online considera un ostacolo al commercio la consegna all’estero, mentre il 47% dei consumatori è fortemente preoccupato nelle transazioni internazionali.

Per favorire la crescita del commercio elettronico e, quindi, offrire al consumatore una scelta e una comodità maggiori, è indispensabile un sistema efficiente di consegna (e di restituzione al mittente). Occorre risolvere con urgenza i problemi che si pongono nella consegna e migliorare i sistemi attuali: per questo la Commissione ha adottato oggi un Libro verde che lancia una consultazione sulla consegna dei pacchi concentrandosi in particolare sulle problematiche transfrontaliere e sulle esigenze del commercio elettronico.

Michel Barnier, Commissario per il mercato interno e i servizi, ha dichiarato: “La consultazione prevista dal Libro verde contribuirà all’individuazione delle misure atte a migliorare la consegna dei pacchi nel mercato unico. Un sistema di consegna pan-UE flessibile ed efficiente, mirato alle aspettative del consumatore e alle esigenze specifiche del commercio elettronico, apporterà un contributo diretto al concretamente delle enormi potenzialità che il settore presenta in termini di stimolo della crescita e di creazione di posti di lavoro”.

Per risolvere i problemi e superare le sfide che si pongono ai consumatori e ai rivenditori online nell’UE, sono indicate 3 linee prioritarie d’intervento:

  • migliorare in tutta l’UE la comodità dei servizi di consegna per i consumatori e le PMI;
  • offrire ai consumatori e alle PMI soluzioni di consegna più efficienti in termini di costi e tariffe migliori;
  • promuovere nei servizi di consegna una maggiore interoperabilità tra gli operatori (migliorando le modalità di collaborazione e la cooperazione) e tra di essi e i rivenditori online, in particolare le PMI.

Con questo Libro verde la Commissione raccoglierà informazioni sullo stato attuale del mercato della consegna dei prodotti acquistati online e individuerà gli eventuali ostacoli che si frappongono alla creazione di un mercato pan-UE integrato della consegna dei pacchi. Alla luce delle informazioni così raccolte la Commissione individuerà le soluzioni che contribuiranno a stabilire un iter fluido di consegna dei pacchi nell’UE, al fine di sostenere la crescita del commercio elettronico e garantire l’accessibilità dei suoi vantaggi per tutti i cittadini e le PMI di tutte le regioni d’Europa grazie a un sistema di consegna sostenibile e efficiente.

Secondo la Commissione, la consegna è tra le 5 priorità che favoriranno maggiormente l’espansione del commercio elettronico a orizzonte 2015; è un fattore decisivo, in quanto influisce concretamente sull’agevolazione del commercio elettronico e costituisce un elemento fondamentale nella costruzione di un rapporto di fiducia tra venditore e acquirente. I portatori d’interesse sono invitati a rispondere alla consultazione entro il 15 febbraio 2013.

Comments are closed.