Inflazione, Istat: a settembre rallenta ma carrello della spesa a più 1,1%

A settembre inflazione in lieve frenata, al più 1,1% su base annua. Accelera invece il carrello della spesa, che si attesta anch’esso a più 1,1% rispetto al 2016. I dati diffusi oggi dall’Istat dicono che a settembre 2017 l’inflazione diminuisce dello 0,3% su base mensile e aumenta dell’1,1% rispetto a settembre 2016 (era +1,2% ad agosto), confermando la stima preliminare. Da questo andamento dei prezzi Federconsumatori stima ricadute di oltre 300 euro annui a famiglia.

La lieve frenata dell’inflazione, spiega l’Istat, è ascrivibile per lo più al rallentamento dei prezzi dei Servizi relativi ai trasporti (+2,7%, da +4,4% di agosto) e di quelli dei Beni energetici regolamentati (+2,9% da +5,0%), in parte compensato dall’accelerazione dei prezzi dei Beni alimentari non lavorati, la cui crescita si porta a +2,1% (da +0,7% del mese precedente). Su base mensile, la flessione è legata soprattutto al calo dei prezzi dei Servizi relativi ai trasporti (-4,6%) e, in misura minore, alla diminuzione di quelli dei Servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona (-0,9%), il cui andamento in entrambi i casi è influenzato da fattori stagionali.

I prezzi dei beni alimentari, per la cura della casa e della persona aumentano dello 0,4% su base mensile e dell’1,1% su base annua (era +0,6% ad agosto). Mentre i prezzi dei prodotti ad alta frequenza di acquisto salgono dello 0,4% rispetto ad agosto e dell’1,3% su base annua (in accelerazione di tre decimi di punto percentuale rispetto al mese precedente).

La lieve frenata dell’inflazione, unita all’accelerazione del carrello della spesa a più 1,1% , comporta una ricaduta per le famiglie pari a 333 euro annui, stima Federconsumatori davanti ai dati dell’Istat, sottolineando poi il “forte aumento per i costi della frutta e della verdura, i cui prezzi schizzano in maniera incontrollata al +4,8%. Tale aumento comporta, per ogni famiglia, una spesa di circa +4 euro al mese solo per la frutta e la verdura”. Sostiene il presidente Federconsumatori Emilio Viafora: “L’elemento che ci preoccupa fortemente, e che non ci stanchiamo di sottolineare al Governo, è che tale incremento dei prezzi avviene in forte contrasto con l’andamento dei redditi delle famiglie, che continuano ad essere erosi in maniera allarmante. Queste ultime continuano a rivolgersi quotidianamente ai nostri sportelli per segnalare le condizione di crisi e la mancanza di opportunità lavorative.” Per Federconsumatori “è fondamentale intervenire, da un lato operando un serio ed attendo monitoraggio sulle dinamiche tariffarie e dei prezzi, che sempre più spesso registrano aumenti del tutto inspiegabili. Dall’altro, inoltre, è ora che il Governo metta in atto un programma dettagliato per il rilancio dell’occupazione, attraverso provvedimenti che superino la logica dei bonus, ma operino un taglio delle tasse sul lavoro”.

lascia un commento