Istat: carrello della spesa a più 4,5%

Aumenta ancora il carrello della spesa: più 4,5% in un anno. L’inflazione segna un aumento del 3,3% rispetto a febbraio 2011 e dello 0,4% in un solo mese. A preoccupare sono soprattutto i prezzi dei prodotti acquistati con maggiore frequenza, dagli alimentari ai carburanti, che rincarano dello 0,7% in un mese e del 4,5% in un anno, in aumento rispetto al 4,2% di gennaio.

Sono i dati che arrivano dalle odierne stime preliminari dell’Istat sui prezzi al consumo. In un anno, i maggiori aumenti sono quelli che interessano i Trasporti (+7,5%), l’Abitazione, acqua, elettricità e combustibili (+7,2%) e le Bevande alcoliche e tabacchi (+6,1%). Nei singoli settori, spicca fra gli alimentari l’aumento congiunturale del prezzo dei vegetali freschi (più 8,6% in un mese) mentre aumenti mensili più moderati ci sono per i prezzi della Frutta fresca (+1,5%), in flessione su base tendenziale (-2,3%), per i prezzi del Pesce fresco di mare di pescata (+2,1%, +5,9% in termini tendenziali) e del Pesce fresco di mare di allevamento (+0,9%, +8,8% su base annua). Nello stesso comparto si segnala, inoltre, l’aumento congiunturale dello 0,4% della Carne bovina, in crescita in termini tendenziali del 2,7%. Aumenta, rispetto a gennaio, il prezzo della pasta (+0,4%), che cresce su base annua del 2,3%. Infine, continua ad aumentare il prezzo del caffè, a +0,7% sul mese e a più14,7% rispetto a febbraio 2011.

La benzina segna un aumento mensile del 2,1%, che diventa più 18,7% rispetto a febbraio 2011. Il gasolio registra un rialzo congiunturale dell’1,3% e cresce su base tendenziale del 25,4%. È in aumento anche il prezzo del Gasolio per riscaldamento, pari all’1,1% rispetto a gennaio e a più 14,4% in un anno. Fra i servizi, gli aumenti mensili più consistenti riguardano il trasporto aereo (più 6,4%) che su base annua segna ormai rincari dell’11,3%. Il trasporto ferroviario aumenta dello 0,9% rispetto a gennaio 2012, mentre su base annua l’aumento si attesta al 6,5% (in diminuzione dal 7,4% di gennaio).

È soprattutto la volata del carrello della spesa a preoccupare i Consumatori. Affermano Federconsumatori e Adusbef: “L’inflazione di nuovo in salita è un segnale preoccupante, che non si può e non si deve sottovalutare.  A febbraio risale al 3,3%, ma a destare allarme è soprattutto la crescita record del tasso relativo al cosiddetto carrello della spesa, al 4,5%.Gli aggravi per le famiglie saranno di oltre 1.305 euro annui, di cui oltre 216 solo nel settore alimentare. Purtroppo, in tale settore, la crescita dei prezzi stimata dall’Istat ci risulta ancora sottostimata”. Sul settore alimentare pesano inoltre le ricadute derivanti dall’aumento dei carburanti. “Si tratta di cifre insostenibili per le famiglie che, solo nel corso dell’ultimo anno, hanno conosciuto una caduta del proprio potere di acquisto del -2,8%”, affermano i due presidenti Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti.

Comments are closed.