Iva al 23%, il Governo conferma e scoppia la protesta

L’Iva salirà al 23% dal 1° ottobre. È previsto nella legge e sembra certo, almeno secondo quanto affermato dal viceministro dell’Economia Vittorio Grilli che ieri, nella trasmissione Ballarò, ha detto che “è già previsto dal decreto Salva Italia: l’Iva al 23% dal 1° ottobre. È nella legge”. Il viceministro ha inoltre spiegato che “non ci sono tesoretti” per ridurre le tasse. E l’annuncio non è certo passato inosservato.

Le categorie cominciano a protestare perché temono rincari e contrazione dei consumi. Secondo il Codacons, il Governo con l’aumento dell’Iva dal 21% al 23% fa “una scelta sciagurata, anche in considerazione del fatto che debito e deficit sono sempre considerati in rapporto al Pil e che non potrà esserci crescita nel nostro Paese se il Governo, già obbligato a ridurre  la spesa pubblica, va ad incidere anche sui consumi già in calo, ossia su una componente fondamentale della domanda. Evidentemente – prosegue l’associazione –  il Governo si è dimenticato della denuncia della Corte dei Conti che per l’Iva ha evidenziato un  tax gap superiore al 36%, di gran lunga il più elevato tra i grandi Paesi europei, con l’eccezione della Spagna”. La richiesta dell’associazione è di seguire invece una politica di lotta all’evasione e di recupero “anche solo del 10%” dell’evasione denunciata dalla Corte dei Conti.

Le stime sulle famiglie parlano di una stangata: per il Codacons, una famiglia media Istat dovrebbe fronteggiare rincari diretti di 352 euro annuo; per una famiglia di tre persone, l’aumento dell’Iva al 23% si tradurrebbe in una “tassa da 418 euro” e senza considerare gli arrotondamenti di prezzo.

“Continuare ad insistere, come avviene in questi giorni, che ci sarà un nuovo aumento dell’Iva dal 21 al 23% e dal 10 al 12% è francamente da irresponsabili”, hanno detto Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, presidenti di Federconsumatori e Adusbef. “Quel che è peggio è che ad aumentare non saranno solo i prodotti soggetti all’Iva al 23% e al 12%, ma, attraverso costi aggiuntivi a partire da quello fondamentale dei carburanti, verranno ritoccati i prezzi di tutti i beni trasportati su gomma, in particolar modo i beni di largo consumo – affermano le due associazioni – Le conseguenze saranno disastrose, aumentando le sofferenze soprattutto delle famiglie meno abbienti”. Federconsumatori e Adusbef calcolano una ricaduta complessiva di 235 euro annui in più a famiglia.

Di stangata parla anche l’Adoc, che dà stime ancora maggiori. Sostiene il presidente Carlo Pileri: “L’aumento dell’Iva comporterà una stangata di 700 euro l’anno per le famiglie italiane che subiranno i maggiori impatti di spesa soprattutto nel settore carburanti, dove prevediamo un aumento di spesa pari a 150 euro l’anno, con la verde che facilmente supererà i 2 euro al litro, e nel settore alimentari. La spesa alimentare crescerà di circa 200 euro l’anno, pari a circa il 40% in più dell’attuale, comportando anche un calo dei consumi che l’Adoc stima intorno al 5-6%. L’aumento dell’Iva rischia di contrarre ancora di più i consumi e lascerebbe la porta aperta a eventuali speculazioni con un aumento dei prezzi ben maggiore di quello previsto”.

I Consumatori sono preoccupati dai rincari, dall’aumento dell’inflazione, dal gelo dei consumi. Per il Movimento Difesa del Cittadino, “l’aumento dell’Iva comporterà un ulteriore impoverimento e una riduzione drastica dei consumi che, in questo momento di particolare difficoltà, non favorisce la crescita economica del Paese, quanto piuttosto un vero e proprio blocco degli acquisti e un aumento dell’inflazione. È necessario invece favorire la ripresa economica attraverso strumenti che garantiscano la tutela negli acquisti e incoraggino il mercato”. Per i cittadini è sempre più complicato gestire le spese, e il risultato non può che essere la sfiducia. Conclude MDC: “La direzione giusta da prendere è quella di un maggiore controllo per contrastare il fenomeno dell’evasione fiscale, l’aumento dell’Iva ha il solo effetto di scoraggiare i cittadini ormai sfiduciati e già appesantiti dai rincari”.

“Invertire la rotta” è la richiesta di Confesercenti, per la quale con il nuovo aumento l’Italia scavalcherebbe la media di tassazione europea, con un effetto collaterale di gelo sui consumi. “Con un Paese in recessione e i consumi in stallo, l’ulteriore aumento dell’Iva allontanerà sempre di più la crescita di cui l’Italia ha disperatamente bisogno, gelando di nuovo i consumi, colpendo anche il turismo e gravando indifferentemente su tutte le classi di reddito”, afferma Confesercenti, spiegando che con il raggiungimento del 23% “l’Iva del nostro Paese non solo scavalca la media dei 27 Stati della Ue (20,9%) ma supera anche abbondantemente quella delle altre economie europee di dimensioni comparabili, come Francia (19,6%), Spagna (18%) e Germania (19%) e si avvicina, in qualche caso superandole, a quelle degli Stati scandinavi, come Danimarca e Svezia (25%), e Finlandia (22%). Un peso insostenibile per i cittadini e le imprese d’Italia, su cui grava una tassazione diretta già altissima, con una pressione fiscale che raggiungerà il 46% nel 2013”.

L’aumento dell’Iva costerà un miliardo solo per le spese alimentari con ulteriori effetti depressivi sulla spesa per i generi alimentari, peraltro già vittima dell’aumento del costo del “carrello della spesa” rilevato dall’Istat. A sostenerlo è Coldiretti, per la quale l’aumento dell’Iva dal 21 al 23% colpirebbe anche prodotti di largo consumo come acqua minerale, birra e vino, mentre l’aumento di quella dal 10 al 12% avrebbe ripercussioni su numerosi generi alimentari, dalla carne al pesce alle uova.

9 Commenti a “Iva al 23%, il Governo conferma e scoppia la protesta”

  1. forasacco ha detto:

    Ma ci rendiamo conto che con tutte queste stangate oggi un reddito familiare di 2,500 €. non basta più? Questo non è un decreto Salva-Italia ma, Distruggi-Italia! Ultima trovata la tassa su cani e gatti, roba da matti. Dove andremo a finire non lo so e,se queste cose le avesse attuate il precedente governo, nel nostro Paese sarebbe scoppiata la guerra civile……

  2. Mortodifame ha detto:

    Possibile che le banche, parlo del Banco di Sardegna e banca di Sassari in particolare, concedano interessi creditori dello 0,25% a fronte di quelli debitori del 8,50%, sui soldi che risparmiamo con fatica e ce li tolgano contemporaneamente in sede di rendiconto trimestrale, con la scusa di spese inventate per coprire i due spiccioli che ti offrono. Ad esempio un conto di oltre 50000 euro a fine trimestre, se ha fatto circa trenta operazioni, compresi i vari accrediti, che portano soldi sicuri alla banca e stranamente vengono considerate operazioni onerose, portano a…..un passivo di circa trenta euro. E’ incredibile. A questi autentici speculatori stiamo dando i nostri soldi per investire a tassi altissimi e poi piangono con il governo che le sta tentando tutte per arricchirli di più ed averne un ritorno personale in termini di stipendi ancora più alti. Basta, anche i poveri hanno diritto di crearsi una famiglia e…mangiare.

  3. Emidio ha detto:

    A mio avviso è arrivata l’ora di dire basta. Dobbiamo mandare a casa tutti gli attuali politici e governanti e fare un apolitica alla Masaniello. Togliere tutti i proventi, comprese le numerose proprietà a quanti si arricchiscono ogni giorno con stipendi o ricompense paurose e vedrete che anche il bilancio si mette a posto. Quei signori pesano forse più degli evasori che spesso lo fanno anche perchè costretti da una politica affamante che, con l’assistenzialismo a fini elettorali e le tasse costringe al lavoro nero ed alla delinquenza per poter campare. Riflettiamo ed anche i grossi papaveri stiano attenti perchè nonostante tutto il popolo può nuovamente diventare sovrano e i brutti tempi passati ci hanno insegnato come.

  4. jogger ha detto:

    bravo SANDRO!

  5. Michele ha detto:

    Io non pago…. Io non do un quarto di quello che guadagno allo stato… Tutti i politici e i ricchi si tengono i soldi in tasca, non pagano le tasse e poi si lamentano anche che ce la crisi… se venissi eletto io, andrei dai ricchi e li prenderei tutto, TUTTO! li infilerei in una situazione peggiore della mia. Sapete qual’è il bello? il bello e che io ho 16 anni… e se io a quest’età arrivo a capire come stanno veramente le cose, figurati gli altri… Voi non siete i nostri dittatori… voi non valete niente!

  6. rio2 ha detto:

    VERGOGNA!!!!!!!!!!!!!

    e tutto questo non per salvare l’Italia sia chiaro ma per poter dare i soldi con l’1% di interesse alle banche che poi speculano con i BOT al 5-7%

    gli stessi soldi dati allo stato invece che alle banche avrebbero evitato tutto questo.

  7. sandro ha detto:

    vorrei capire…………………..quando si toccano i farmacisti, o i tassisti, o le altre caste scoppia una rivoluzione, quando invece si colpiscono i cittadini, e anche i commercianti, che già non vendono più nulla, tutto tace…………………….siamo proprio un popolo di m…………….da.

  8. sara ha detto:

    bastaaaaaa!! ci stanno massacrando!! dovete tassare i ricchi, non i poveri!!!

  9. Giovanni ha detto:

    Giusto ieri sera a Ballarò, Grilli aveva escluso manovre aggiuntive!!!