Non solo bellezza. UNC lancia App sui cosmetici

Leggere le etichette, conoscere la scadenza di ogni prodotto, sapere quali sistemi di sicurezza vengono adottati. Non solo per “farsi belli” ma anche per avere le informazioni utili a usare con consapevolezza i cosmetici. Dalla partnership fra Unione Nazionale Consumatori e Cosmetica Italia nasce l’App “Cosmetici”, scaricabile gratis da App Store e Play Store. “Conoscere il variegato mondo dei cosmetici per imparare a usarli in modo consapevole e a seconda delle proprie esigenze: con questo obiettivo è nata l’App Cosmetici”, spiega Massimiliano Dona, segretario generale dell’UNC.

E aggiunge: “Quando si parla di cosmetici non si fa riferimento solo ai classici ‘belletti’, ma anche a dentifrici, saponi, creme, solari e deodoranti: tutti possono rappresentare un prezioso alleato per il nostro benessere, la nostra igiene e bellezza, a patto che se ne conoscano le caratteristiche e che se ne faccia un uso oculato”.

L’App, consultabile su smartphone e tablet, è suddivisa in paragrafi e ha un glossario, riporta le domande più frequenti – ad esempio quelle sui filtri solari o sui fattori di protezione – e una sezione con i consigli e video degli esperti che spiegano le regole da rispettare per l’uso dei cosmetici. Non manca una sezione con dei test per verificare il proprio grado di conoscenza in materia.

Spiega Fabio Rossello, presidente di Cosmetica Italia: “Siamo felici di essere al fianco dell’Unione Nazionale Consumatori e della collaborazione che ci ha permesso di sviluppare l’App dedicata ai cosmetici. La priorità dell’industria cosmetica è infatti garantire la sicurezza del prodotto e la salute del consumatore con cosmetici innovativi ed efficaci. È quindi essenziale che ai consumatori arrivino indicazioni chiare e utili per scegliere in modo consapevole, in un clima di fiducia verso i produttori. L’attività si inserisce perfettamente nel progetto di Abc Cosmetici (www.abc-cosmetici.it), il sito web realizzato da Cosmetica Italia che si rivolge proprio ai consumatori, cercando di veicolare in maniera chiara e accessibile le principali coordinate per conoscere il mondo della cosmesi. Una fonte di informazioni puntuali e attendibili per imparare a orientarsi nella scelta dei prodotti e nella comprensione dei loro ingredienti”. Nonostante la crisi, spiega Rossello, il consumo dei cosmetici tiene ed è stato pari a oltre 9.500 milioni di euro nel 2013.

Comments are closed.