Benzina, prezzo in discesa. MISE continua a monitorare

Buone notizie per gli automobilisti. Continua a scendere, infatti, il costo della benzina. Lo stesso sottosegretario con delega all’Energia Claudio De Vincenti, che proprio nei giorni scorsi aveva invitato fortemente i petrolieri e gestori a diminuire il prezzo di 4-5 centesimi ha riconosciuto che “l’invito sembra essere stato accolto”.Anche le quotidiane rilevazioni di Staffetta Quotidiana restituiscono lo stesso scenario: i prezzi alla pompa continuano a scendere, anche se con una dinamica meno accentuata rispetto agli ultimi giorni. Le medie ponderate nazionali dei prezzi tra le diverse compagnie in modalità servito si attestano questa mattina a 1,829 euro/litro per la benzina (-0,1 centesimi) e a 1,737 euro/litro per il gasolio (-0,2 centesimi). Gpl Eni fermo a 0,809 euro/litro. Invariata anche la media nazionale del metano a 0,968 euro/kg.

Secondo quanto riporta SQ, questa mattina a ridurre i prezzi sono Q8 e Tamoil: per la prima registriamo un ribasso di 1,5 centesimi sulla benzina a 1,836 euro/litro e di 1 centesimo sul diesel a 1,732 euro/litro. Per la compagnia libica ribasso solo sul gasolio: -0,5 centesimi a 1,734 euro/litro.

Comunque il MISE ha fatto sapere che non abbasserà la guardia e “monitorerà attentamente la situazione” in attesa “che la riduzione del differenziale con gli altri Paesi europei continui costantemente nei prossimi giorni”.

Comments are closed.