Controlli NAC su prezzi al consumo: situazione sotto controllo

I Nuclei Antifrodi Carabinieri di Roma, Parma e Salerno hanno effettuato verifiche sulle produzioni agroalimentari con riferimento al rispetto della  normativa sui prodotti a marchi DOP/IGP/STG e “Biologico” nonché sulla tracciabilità, sull’etichettatura e sul regime dei prezzi al consumo. In particolare i controlli sui prezzi sono stati espletati avvalendosi delle rilevazioni effettuate da ISMEA (Istituto di Servizi per il Mercato Agricolo Alimentare) e direttamente dai NAC in alcuni centri agroalimentari all’ingrosso e in vari mercati rionali allo scopo di verificare la presenza di incrementi dei prezzi al consumo. In questa prima fase di controlli, specie nelle aree del centro nord del Paese, sono stati rilevati alcuni scostamenti dai “prezzi consigliati” dal Borsino MiPAAF – Servizio SMS Consumatori, riconducibili agli effetti delle avverse condizioni meteorologiche del mese di febbraio.

 “L’attività di controllo svolta dai Nuclei Antifrodi Carabinieri sui prezzi al consumo dei prodotti agroalimentari nei mercati all’ingrosso ed anche in quelli rionali è di assoluto rilievo per monitorare ogni indebito incremento dei prezzi. Al momento non vi sono segnali di preoccupazione ma vigileremo attentamente per tutelare non solo i consumatori ma anche gli agricoltori. Non meno importante è l’azione di vigilanza che viene costantemente svolta dai Nuclei Antifrodi Carabinieri anche a tutela del sistema  delle denominazioni DOP/IGP/STG e “Biologico”: i controlli  evidenziano che il settore richiede sempre un attento monitoraggio, ma anche che l’Italia ha un sistema di controlli incisivo che qualifica  ulteriormente il “Made in Italy” dell’agroalimentare in termini di qualità e sicurezza” ha commentato il ministro Mario Catania.

 L’attività di verifica non si ferma qui ma continuerà, fanno sapere i carabinieri del Nac ricordando che i consumatori hanno a disposizione il servizio offerto da smsconsumatori.it che, attraverso un sms al 47947, consente di conoscere il prezzo di vendita ‘consigliato’ del prodotto richiesto.

 Per quanto riguarda i controlli sulle denominazioni protette DOP/IGP/STG, i NAC hanno sequestrato oltre 300 tonnellate per un controvalore di circa 800.000,00 euro.

Un commento a “Controlli NAC su prezzi al consumo: situazione sotto controllo”

  1. Romano ha detto:

    Vanno benissimo questi controlli, ma purtroppo all’estero si producono prodotti taroccati che richiamano nomi o pseudomini che richiamano i nostri prodotti più conosciuti, che poi vengono anche esportati in altri Paesi, soprattutto quelli emergenti. E’ indispensabile che il nostro Ministro del Commercio Estero si attivi per far reprimere questo abusivismo che ha raggiunto un giro di milioni di dollari e che deve essere stroncato.