Natale, Trivago.it: listini hotel in flessione. Più care le località dell’arco alpino

Prezzi hotel in flessione questo mese in Italia, con un calo del 4 per cento e un prezzo medio di 110 euro a notte per camera doppia. Tariffe in diminuzione nelle principali destinazioni del nord. Milano (129 euro), Torino (100 euro) e Venezia (134 euro) segnano una flessione rispettivamente del 12, 9 e 8 per cento questo mese. In controtendenza le mete del centro-sud che approfittano dell’inverno ancora piuttosto mite. Firenze ritocca del 3 per cento verso l’alto i prezzi degli hotel, con un costo medio di 109 euro a camera doppia a notte. Aumenti anche nelle principali cittá del meridione. Napoli e Palermo registrano incrementi del 7 e 4 per cento, mantenendo tuttavia listini molto competitivi; un soggiorno in camera doppia costa in media rispettivamente 88 e 83 euro. Discorso a parte per Roma che segna questo mese un lieve calo dell’1 per cento; il prezzo medio di una notte nella Capitale é di 115 euro a notte. E’ quanto emerge dalla comparazione delle tariffe effettuata da trivago.it  che ha preso in considerazioni 50 località.

Gli aumenti piú significativi si segnalano, però, nelle principali mete lombarde, Bormio e Livigno i cui listini alberghieri crescono del 23 e del 22 per cento, con prezzi medi di soggiorno di 140 e 153 euro. Cortina d’Ampezzo é la localitá piú cara dell’arco alpino con un costo di 234 euro e un aumento del 31 per cento rispetto a novembre. Aumenti piú contenuti nelle destinazioni del Trentino/Alto Adige e del Piemonte:  Sestriere (134 euro, 11 per cento), Ortisei (131 euro, 8 per cento), Folgaria (152 euro, 9 per cento) e Bardonecchia (108 euro, 7 per cento). Complessivamente gli aumenti sospingono le regioni tradizionalmente legate al turismo invernale, Valle d’Aosta e Trentino/Alto Adige, a incrementi tariffari del 27 e 13 per cento a dicembre. 

Guardando all’Europa, si registra una flessione dei listini alberghieri per 31 delle 50 cittá europee analizzate. In calo le principali capitali del Nord Europa. Amsterdam (124 euro) con un decremento del 15 per cento guida i ribassi, seguita da Oslo (158 euro, -11 per cento) e Londra (186 euro, -9 per cento). Riduzioni piú modeste a Madrid (97 euro, -5 per cento), Parigi (160 euro, -4 per cento) e Copenaghen (144 euro, -1 per cento). In controtendenza Vienna e Salisburgo, le mete austriache molto ricercate in questo momento, che registrano aumenti del 14 e del 23 per cento; un soggiorno nelle due cittadine costa rispettivamente in media 131 e 152 euro. Incrementi dei prezzi hotel nelle principali destinazioni dell’est europa, particolarmente ricercate a Natale e Capodanno, Praga (98 euro) e Budapest (67 euro) con aumenti rispettivamente del 24 e del 10 per cento.  

Comments are closed.