Pasqua, Codici: caro benzina sulle gite turistiche

Quanto spenderanno gli italiani che faranno una gita fuori porta o un viaggio di Pasqua? Se si sposteranno in automobile, dovranno mettere in conto il caro benzina. Spiega Codici: “È proprio di ieri la notizia del rialzo dei prezzi Eni su diesel e benzina: mentre i mercati fanno solo un piccolo passo verso l’aumento, nei prezzi raccomandati Eni fa registrare un importante rialzo, eliminando di fatto il gap che caratterizzava come maggiormente economici i suoi listini. Stiamo parlando di un + 1,5 cent euro/litro sulla benzina e un 0,5 sul diesel. Anche Shell sale di 1 cent su entrambi i prodotti. Insomma, pessime notizie per gli automobilisti, visto che già la situazione attuale non permette alcun risparmio, se consideriamo che le medie nazionali servite della benzina e del diesel ora sono a 1,809 e 1,715 euro/litro (Gpl a 0,747) (fonte Quotidiano Energia)”.

L’associazione fa l’esempio di una spesa sostenuta partendo da Roma con una utilitaria di medio livello a benzina. Fra pedaggio e carburante, per andare a Perugia serviranno circa 30 euro, che diventano oltre 37 euro per recarsi a Napoli; per Firenze servono 59 euro, per Lecce oltre 99 euro, per Venezia 106 euro e per Milano oltre 115 euro.

“I consumatori si sentono oramai spremuti fino all’osso – commenta Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale del Codici – I rincari del carburante pesano come macigni sui bilanci familiari degli italiani, che chiedono urgentemente al governo un nuovo piano di riduzione delle tasse, per ritornare ad essere in grado di affrontare le spese quotidiane senza dover rinunciare totalmente alle automobili.  Il carico di spesa delle famiglie è ormai arrivato a livelli eccessivi, sono molte, infatti, quelle che non ce la fanno ad andare avanti. C’è assolutamente bisogno di misure strutturali in grado di alleggerire la tassazione che grava specialmente su settori specifici come quello dei carburanti”.

Comments are closed.