Sabilità, Federconsumatori: aumento Iva costerà 225 euro a famiglia

Delusione per l’aumento dell’Iva dal 21 al 22% che dovrebbe scattare da luglio 2013, come prevede il testo della legge di stabilità che ha avuto l’ok dalla Commissione Bilancio della Camera e che aspetta il via libera dall’Aula. Ad esprimerla è Federconsumatori, secondo cui tale operazione comporterà un aggravio del +0,75% sul tasso di inflazione, con ricadute, in termini annui, di +225 euro a famiglia. Nel 2013, quindi, le ricadute saranno di +112,50 euro a famiglia.

E a pagare il prezzo di questa crisi sono sempre i nuclei familiari, soprattutto quelli più deboli, il cui potere d’acquisto ha già registrato una caduta del 13,2% dal 2008 ad oggi.

“Siamo convinti che si sarebbe potuto fare molto di più per le famiglie a reddito fisso e per gli incapienti – scrive l’Associazione in una nota – A dir poco assurda e demenziale, inoltre, è l’ulteriore aumento dell’Iva che avverrà dal prossimo anno. Un provvedimento che doveva essere evitato in ogni modo e con ogni mezzo. Si tratta, infatti, come ripetiamo da tempo, di una misura che avrà effetti catastrofici per le famiglie e per l’intera economia”.

Federconsumatori chiede che si faccia un passo indietro su questo, avviando contestualmente una detassazione per le famiglie a reddito fisso, lavoratori e pensionati, a partire proprio dalle tredicesime. Solo rilanciando la domanda interna e facendo ripartire gli investimenti per lo sviluppo tecnologico e la ricerca, infatti, sarà possibile rimettere in sesto l’economia italiana ed i bilanci delle famiglie ormai allo stremo.

Comments are closed.