Sicilia, prima riunione del CRCU. UNC: affrontare questione ‘benzina’

Il prossimo 20 aprile si terrà la prima riunione nuovo CRCU- Consiglio dei Consumatori e degli Utenti della Regione Sicilia. “E’ mia intenzione – ha spiegato  Manlio Cardella, presidente Unione Nazionale Consumatori Sicilia – porre all’ordine del giorno una serie di sessioni urgenti per elaborare proposte  da  sottoporre al Governo della Regione in materia di prezzi sui carburanti”.Secondo il Presidente, la questione è urgente dal momento che  la Sicilia raffina e distribuisce il 42 per cento del totale di greggio lavorato in Italia e consuma 2.258.000 tonnellate di carburanti, il 15 per cento di ciò che raffina. Per questo è arrivato il momento che il CRCU discuta ed elabori una serie di proposte riguardanti: l’abbattimento della quota di accise sui carburanti abbassando il prezzo alla pompa sui prodotti immessi sul mercato in Sicilia.  Ciò al fine di garantire così un prezzo più basso, che consentirebbe ai consumatori, alle famiglie, agli operatori economici di combattere il dilagante carovita, causa della recessione che ha colpito anche la nostra regione.

Inoltre ancora: l’istituzione di un Osservatorio Regionale per il monitoraggio dei prezzi e delle tariffe e di una Autority per il controllo. L’adozione di urgenti provvedimenti in materia di controllo dei prezzi delle tariffe di acqua e rifiuti nonchè l’ istituzione del Paniere ISTAT regionale per rappresentare l’economia, la produzione ed i consumi delle famiglie siciliane

 

Comments are closed.