Tariffe navali, l’Antitrust sanziona due compagnie

Le tariffe navali sono finite nel mirino dell’Antitrust che ha sanzionato due compagnie attive nel trasporto marittimo: la Medmar e la Alilauro. Alla prima è stata comminata una sanzione di 70 mila euro in quanto consentiva l’acquisto di biglietti a tariffa agevolata solo presso le biglietterie situate nei porti collegati, e ad un’ora dalla partenza della nave, senza possibilità di effettuare la prenotazione ed acquisto via internet. Per gli autoveicoli, sono invece applicati diritti di prevendita.Secondo l’Agcm, il sistema adottato dalla Medmar, che prevedeva un numero limitato di posti riservati, ha impedito ai residenti, specie nel periodo di maggiore afflusso turistico, di poter usufruire della tariffa agevolata; ovvero, nel timore di non trovare i biglietti, li ha indotti a comprare i biglietti a tariffa piena. 

Con motivazioni analoghe, l’Autorità garante della concorrenza e del mercato ha punito anche Alilauro (società impegnata nel trasporto marittimo nel golfo di Napoli e Salerno). In questo caso, la sanzione è stata più elevata (100.000 euro), in quanto l’Antitrust ha contestato anche la scarsa trasparenza delle tariffe: solo al termine del procedimento di prenotazione, gli utenti si vedevano addebitati diritti di prevendita, scorporati illegittimamente dalla tariffa pubblicizzata.

Un commento a “Tariffe navali, l’Antitrust sanziona due compagnie”

  1. Andrea ha detto:

    La denuncia è partita da Generazione Attiva 🙂