Prodotti dimagranti, multe Antitrust per claim ingannevoli

Arriva la sanzione dell’Antitrust per i prodotti dimagranti dagli effetti “miracolosi” pubblicizzati da una serie di società e denunciate da Codici: promettevano di perdere un chilo al giorno, di dimagrire mangiando, di sopprimere l’assorbimento delle calorie, polverizzare il grasso in eccesso, ottenere dimagrimenti localizzati in pochissimi giorni, perdere un chilo in 24 ore “senza rinunce”, “senza dieta, né privazioni”. Le sanzioni vanno da 120 mila a 300 mila euro.

Nel dettaglio, dopo la segnalazione di Codici, l’Antitrust ha sanzionato per pratiche commerciali scorrette le società Xenalis Ltd, Cento S.r.l., Centum S.p.A., New Service Media S.r.l., Quadratum SA e Royal Marketing Management SA e ha vietato la diffusione dei messaggi pubblicizzati. Le sanzioni sono pari a 300 mila euro per  Centum S.p.A, a 150 mila euro per Xenalis Ltd, New Service Media S.r.L. Quadratum Sa e Roya Marketing Management Sa e a 120 mila euro per Cento S.r.L.

L’azione di Codici aveva evidenziato e segnalato all’Antitrust  la pubblicizzazione di prodotti dimagranti e terapeutici che attraverso messaggi ingannevoli inducevano il consumatore, influenzandone la decisione e facendo leva sulla certezza di rimedi benevoli,  ad acquistare determinati prodotti con la promessa di un facile dimagrimento. I prodotti dimagranti finiti nel mirino dell’associazione, e messi in commercio dalle società sanzionate, sono numerosi (nella lista ci sono Asparagus’Lipo, Wayae,  Gastrobioring,  Extra Goemon, Aceto di Sidro, LunaSlim, Bromelina, Ciblaction, CherrySlim, Mincimax, Accuslim, Af6 Superslim, Aha Force 7, Braziol5, Caloslim xs, Easy to slim 5, Equibioslim, Kill Kilo, Kilo-Hunter, La looks Body Wrap, Slim Bool, Slim Effect 24h, Slim Patch, Slimadvance, XtraLight, Zactival; Slim Plus, Soludrena, XantoSlim) e sono stati pubblicizzati promettendo una riduzione di peso con claim ingannevoli.

L’Antitrust, sottolinea Codici, “ha riconosciuto che le informazioni fornite ai consumatori erano  ingannevoli già in ragione delle caratteristiche quantitative e temporali del dimagrimento prospettato per ogni singolo prodotto dimagrante. I risultati promessi apparivano privi di fondamento scientifico e la scorrettezza sussisteva anche in merito ad affermazioni  del tipo: ‘senza rinunce’, ‘senza dieta, né privazioni’, ‘dimagrire mangiando’”.

Ai prodotti dimagranti si aggiungono una serie di prodotti terapeutici (Argan, Bleuet, Gel Organicsilicium 24H, Glucimol, Gotulitho, Long Life, Maitake, Mirtillo Blu, Noce Amazzonica, Artoflexill compresse, Artoflexill Gel Lenitivo, LipoHeal) che, si legge nel provvedimento, “venivano promossi con indicazioni ingannevoli e omissive sulla capacità di curare patologie (anche gravi) come disfunzioni e malesseri in genere”.

“Esprimiamo grande soddisfazione per il provvedimento  emesso dall’Antitrust – commenta il segretario nazionale del Codici Ivano Giacomelli – e  invitiamo tutti i cittadini che hanno acquistato i prodotti citati a rivolgersi al Codici per aderire all’azione di classe ed ottenere i giusti risarcimenti”.

Comments are closed.