RISPARMIO. Camera, commissioni approvano emendamenti sul mandato a termine Governatore

Le commissioni Finanze e Attività Produttive della Camera hanno approvato questa mattina l’emendamento, nel DDL sul risparmio, relativi ai limiti temporali della carica del Governatore della Banca d’Italia, le cui modalità dovranno essere definite dallo statuto di Bankitalia stessa. Questo pomeriggio inoltre è stato approvato l’emendamento che attribuisce la vigilanza della concorrenza nel settore bancario all’Autorità Antitrust. Sui due emendamenti è stata sconfitta la proposta del Governo, che quindi è andato in minoranza.
“Salutiamo positivamente l’approvazione dei due emendamenti del DDL risparmio, ci auguriamo che l’Aula faccia poi scelte di vera garanzia e tutela della libera concorrenza e della tutela dei risparmiatori”. Questo il commento di Antonio Longo, Presidente del Movimento Difesa del Cittadino, alla bocciatura degli emendamenti promossi dal Sottosegretario all’Economia, Gianluigi Magri.

Il Movimento Difesa del Cittadino condivide la scelta del mandato a termine del governatore e dell’attribuzione della competenza all’Antitrust sul rispetto della libera concorrenza tra le banche che è la fondamentale garanzia di servizi qualificati e a basso costo per gli utenti.”D’altra parte – ha aggiunto Longo – il recente incontro tra il governatore Fazio e il Presidente del consiglio per assicurare “l’italianità” dei gruppi bancari italiani è una clamorosa conferma della necessità di togliere alla Banca d’Italia la vigilanza sulla concorrenza e di stabilire un termine certo al mandato del governatore.”

 

 

Comments are closed.