Trento, sequestrato 1 milione di giocattoli pericolosi

Oltre un milione di giocattoli pericolosi, prevalentemente importati dai paesi dal sud- est asiatico e destinati a essere venduti in tutta Italia: è la parte più consistente di una maxi-operazione che ha portato la Guardia di Finanza di Trento a sequestrare oltre 2 milioni e 200 mila prodotti non a norma e rischiosi per la salute.

L’operazione è il frutto di un piano di controlli attuati lo scorso fine settimana e il cui risultato è stato reso noto oggi. Come scrivono le Fiamme Gialle, “gli approfondimenti investigativi disposti dal Comando Provinciale su alcuni prodotti esposti in esercizi commerciali del Trentino hanno permesso di accertare l’importazione e l’immissione in commercio sul territorio nazionale di un’imponente quantità di giocattoli che sono risultati non conformi alla normativa di settore posta a tutela della sicurezza e della salute dei “giovani consumatori”, prevalentemente importati dai paesi dell’area del sud-est asiatico nonché attraverso ulteriori paesi sia comunitari che extra Unione Europea”.

La Compagnia di Trento ha effettuato il sequestro probatorio di 3 magazzini, 3 container e 2 milioni 200 mila prodotti, per un valore al dettaglio di diversi milioni di euro. Si tratta in gran parte di giocattoli, oltre 1 milione di pezzi per i quali è stato mantenuto il sequestro, mentre sugli altri oggetti sono in corso accertamenti tecnici, perché si tratta di tipologie di prodotto molto diverse e non qualificabili come giocattoli.

La rete di distribuzione dei prodotti oggetto dell’operazione risulta vastissima, estesa in tutta Italia e in diversi paesi europei, e le Fiamme Gialle non escludono che nei prossimi giorni ci siano altri sequestri ingenti di lotti di giocattoli su tutto il territorio nazionale. Le violazioni contestate riguardano in particolare la salute e sicurezza dei consumatori e la tutela dei marchi.

Un commento a “Trento, sequestrato 1 milione di giocattoli pericolosi”

  1. Alex ha detto:

    sarebbe opportuno dire quale è la rete di distribuzione. E’ questa la vera garanzia x il consumatore che sa dove ha acquistato il prodotto.