Wind Jet, mentre la compagnia fa annunci Confconsumatori risponde ai passeggeri

Quando un’azienda italiana fallisce, il copione sia sempre lo stesso: trascorrono giorni e giorni (anche mesi e anni) senza che ci siano informazioni chiare sul caso. E nel frattempo i consumatori coinvolti non possono far altro che aspettare e aspettare. Non fa eccezione il caso Wind Jet: è trascorso ormai quasi un mese da quando la compagnia aerea non vola più e i passeggeri attendono ancora delle risposte. Risposte che se non arrivano dall’azienda, possono arrivare dalle Associazioni dei consumatori.

Confconsumatori, che si è mobilitata fin dall’inizio per difendere i diritti dei passeggeri (ha chiesto invano l’istituzione di un tavolo di conciliazione paritetica), continua a fornire assistenza tramite lo Sportello del turista, cui si sono rivolti tantissimi passeggeri.  Lo Sportello si trova a Catania, in via Simili 16, ed è aperto il lunedì e mercoledì dalle ore 16.30 alle ore 19 e il martedì e giovedì dalle ore 9 alle ore 12 (tel/fax 095-2500426, e-mail confconsumatorisicilia@hotmail.com, oppure disservizi.aerei@confconsumatori.it, cell. 340-7289212).

Ecco le risposte alle 4 domande più frequenti rivolte allo Sportello:

  1. Sono titolare di un biglietto Wind Jet: come devo comportarmi? “Il nostro consiglio, per adesso, é di non inviare nessuna richiesta a Wind Jet perché é opportuno attendere l’evolversi societario. Appena la compagnia annuncerà le proprie scelte daremo tutte le indicazioni necessarie. E’ bene precisare che non vi é nessun termine di scadenza per l’inoltro di un reclamo e quindi attendere non pregiudica nessun diritto. Abbiamo creato una mailing list di tutte le mail ricevute. Man mano che vi saranno novità vi aggiorneremo. In ogni caso potrà consultare il nostro sito per tenersi aggiornato: http://www.confconsumatori.com/news.asp?cat=91.
  2. Sono titolare si un Carnet viaggi: ho perso tutto? “Come avrà visto sul nostro sito, http://www.confconsumatori.com/news.asp?cat=91, abbiamo chiesto che i possessori di carnet vengano equiparati ai possessori di biglietti, ma ad oggi non abbiamo ricevuto nessuna risposta, che stiamo sollecitando.  Per il rimborso delle somme pagate ed il risarcimento dei danni subiti (tra i quali ad esempio l’acquisto di altri biglietti) il nostro consiglio, per adesso, é di non inviare nessuna richiesta a Wind Jet perché é opportuno attendere l’evolversi societario. Appena la compagnia annuncerà le proprie scelte daremo tutte le indicazioni necessarie. E’ bene precisare che non vi é nessun termine di scadenza per l’inoltro di un reclamo e quindi attendere non pregiudica nessun diritto.  Abbiamo creato una mailing list di tutte le mail ricevute. Man mano che vi saranno novità vi aggiorneremo”.
  3. Avevo un biglietto WJ e sono stato riprotetto da altre compagnie. “In seguito ad una segnalazione di Confconsumatori l’Enac ha invitato le altre compagnie che hanno riprotetto e stanno riproteggendo i passeggeri Wind Jet a rispettare le tariffe convenute e pubblicizzate (euro 75,00 da parte di Alitalia ed euro 80,00 da parte delle altre compagnie). Le compagnie si sono impegnate altresì a rimborsare ai passeggeri che hanno corrisposto importi difformi e superiori a contattare i passeggeri ed attivare le procedure di rimborso delle somme corrisposte in eccedenza. Qualora ciò non avvenisse i passeggeri possono inviare una propria richiesta secondo lo schema di lettera che si può scaricare dal nostro sito http://www.confconsumatori.com/public/upload/users/1500297905/documenti/varieConfconsumatori/WJ%20Lettera_rimborso.doc. Abbiamo creato una mailing list di tutte le mail ricevute. Man mano che vi saranno novità vi aggiorneremo. In ogni caso potrà consultare il nostro sito per tenersi aggiornato: http://www.confconsumatori.com/news.asp?cat=91“.
  4. Il mio volo era parte di un pacchetto turistico: che posso fare? “In virtù del Codice del Turismo l’organizzatore del viaggio (in genere iltour operator ma in alcuni casi anche l’agenzia di viaggio) risponde degli inadempimenti dei soggetti terzi di cui si avvale. Se quindi il pacchetto turistico comprendeva il volo Wind jet cancellato é l’organizzatore che ne risponde rispetto al consumatore. Bisogna inoltrare, quindi, un reclamo, a mezzo raccomandata a.r., al tour operator o all’agenzia di viaggio con la richiesta rimborso e di risarcimento. É opportuno spedirla al più presto, anche se la Corte di Cassazione ha precisato che il termine di dieci giorni previsto non può essere ritenuto perentorio. Abbiamo creato una mailing list di tutte le mail ricevute. Man mano che vi saranno novità vi aggiorneremo. In ogni caso potrà consultare il nostro sito per tenersi aggiornato: http://www.confconsumatori.com/news.asp?cat=91“.

 

Comments are closed.