Carne di cavallo, Codici lancia class action

Difficile riconquistare la fiducia dei consumatori per le aziende interessate dallo scandalo della carne equina: da Findus (lasagne surgelate) a Buitoni (ravioli), da Ikea (polpette e torte) a Star (solo per citare i casi più noti). Secondo il Codici la fiducia i consumatori l’hanno persa per ragioni del tutto fondate, come appunto quella dell’inganno alimentare. E l’Associazione lancia una class action per ottenere il risarcimento del danno subito a causa della mancata informazione.

Oltre ad esserci rischi per la salute, non avendo subito i controlli obbligatori, si ricorda che in Italia è illegale non etichettare la carne importata. “L’obbligatorietà della presenza dell’etichetta è sancita dalla legge – commenta Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale del Codici – i consumatori hanno ingerito un alimento, in questa caso carne di cavallo, senza esserne a conoscenza. Tutto ciò costituisce un comportamento scorretto e ingannevole nei confronti dei cittadini”. “Nell’interesse della tutela della salute, come anche dei diritti dei consumatori ad essere informati sui prodotti acquistati, il Codici avvia una class action”.

Comments are closed.