Cooperative agroalimentari: Europa, salta accordo contro pratiche sleali

Salta l’accordo europeo sulla regolamentazione contro le pratiche sleali nella filiera alimentare. A denunciarlo è l’Alleanza delle Cooperative Agroalimentari che sollecita la Commissione europea: è necessario che l’Europa decida per un intervento normativo.

Sollecitiamo la Commissione Europea a procedere senza ulteriori esitazioni nella definizione di una proposta di natura legislativa a livello europeo per la regolamentazione delle pratiche commerciali sleali, in linea con quanto avvenuto recentemente in alcuni Stati membri tra i quali l’Italia”: è quanto dichiara l’Alleanza delle Cooperative Agroalimentari, esprimendo rammarico per il mancato accordo sulle modalità di applicazione dei principi di buone pratiche commerciali che la Commissione Europea ha ufficializzato nei giorni scorsi ai membri del Forum europeo di alto livello sul funzionamento della catena alimentare.

“Dopo quasi un anno di intensi confronti, e nonostante le proposte di compromesso messe sul tavolo recentemente dal Copa-Cogeca – questo il commento dell’Alleanza delle cooperative – è emersa con grande chiarezza l’impossibilità di raggiungere un accordo su aspetti imprescindibili per gli agricoltori e le cooperative italiane ed europee, quali la definizione di sanzioni efficaci e dissuasive in caso di mancato rispetto dei principi sanciti, e la garanzia dell’anonimato dei ricorrenti nel sistema di composizione delle controversie”. Si attende ora la riunione annuale del Forum per il prossimo 5 dicembre.

Comments are closed.