Cose da non credere, UNC lancia sondaggio sull’alimentazione

Scarsa cultura alimentare, educazione al consumo superficiale e qualche esasperazione da parte dei media: ecco quali sono gli “ingredienti” che spesso ostacolano la consapevolezza dei consumatori in campo alimentare. Per saperne di più, nell’ambito della campagna “Cose da non credere” che culminerà nell’evento del 21 maggio, l’Unione Nazionale Consumatori ha lanciato online un sondaggio sul cibo e sull’alimentazione.

“Nonostante si tratti di un consumo primario, non sempre la conoscenza dei consumatori nel campo alimentare può dirsi soddisfacente. Ecco perché è nostra intenzione diffondere un breve questionario incentrato sulla consapevolezza dei consumatori per meglio comprendere il loro rapporto con l’alimentazione, il cibo e la pubblicità”, si legge nel sondaggio. Come giudichi la qualità dei prodotti alimentari del nostro Paese? Ti fidi del cibo che arriva sulle nostre tavole? Che ruolo ha la pubblicità nel mondo del food? Sono queste alcune delle domande della rilevazione, dedicata alla consapevolezza dei consumatori in campo alimentare.

Dice il segretario generale Massimiliano Dona: “Nel corso degli anni la nostra associazione ha condotto battaglie fondamentali per il settore del food che hanno portato all’approvazione di norme sulla tutela delle denominazioni d’origine dei vini, sulla disciplina dell’igiene degli imballaggi, sulla data di scadenza degli alimenti e molto altro. Oggi le sfide sono diverse e i consumatori ci chiedono giornalmente consigli per risparmiare sulla spesa, ma anche rassicurazioni sui prodotti che acquistano, informazioni sugli ogm e su come leggere le etichette; purtroppo, infatti, non sempre la consapevolezza dei consumatori è soddisfacente e ciò è conseguenza di diversi fattori a cominciare dalla scarsa cultura alimentare, la superficiale educazione al consumo, le esasperazioni mediatiche; per questo motivo abbiamo lanciato questo sondaggio, nell’ambito di ‘Cose da non credere’, l’evento dedicato alla consapevolezza dei consumatori che si terrà a Roma il prossimo 21 maggio e avrà anche il food tra gli argomenti di discussione”. Si può commentare anche su Facebook e Twitter attraverso l’hashtag #cosedanoncredere.

Comments are closed.