Etichette alimentari, ¾ degli italiani le leggono

Tre quarti dei consumatori dichiarano di leggere le etichette alimentari; il 90% lo fa per leggere la data di scadenza, e il 70% circa controlla la lista degli ingredienti e la tabella nutrizionale. Piu’ del 50% degli italiani, poi, controlla che il prodotto sia ‘naturale’ (inteso come senza conservanti, o coloranti e aromi artificiali). E’ quanto emerge da un’indagine condotta dall’Osservatorio Adi-Nestle’ diffusi sabato nel corso del primo appuntamento di “Etichet-ti-amo” nell’ambito del nuovo progetto Food Coaching.Ma se le etichette rappresentano per il consumatore la bussola per conoscere le caratteristiche e proprietà degli alimenti, è necessario però possedere anche il giusto orientamento per compiere scelte d’acquisto consapevoli e assumere abitudini alimentari corrette e positive per salute e benessere.

Proprio partendo da qui, Nestlé ha sviluppato il Food Coaching, il nuovo progetto di informazione e consulenza alimentare che si propone di offrire ai consumatori gli strumenti utili per orientarsi nelle scelte nutrizionali. Proprio come ogni famiglia ha il “food coach” che diviene naturalmente l’effettivo responsabile dell’alimentazione di tutti i componenti, dai bambini agli adulti, così Nestlé, in quanto storico nutritional partner dei consumatori, si prende cura della nutrizione e della cultura alimentare delle famiglie, offrendo le linee guida per un allenamento quotidiano al mangiare più sano e vivere meglio.
Attraverso una serie di iniziative, incontri con gli esperti, attività di informazione e sensibilizzazione, Nestlé accompagna i “food coach” di ogni famiglia a divenire i creatori e i responsabili di una vita alimentare più sana per se stessi e per gli altri, tessendo al contempo una rete tra i vari “allenatori”, fatta di scambio, condivisione e dialogo.

Comments are closed.