Londra: tracce di dna di maiale in cibi halal

Sulla scia dell’apprensione suscitata dalla presenza di carne di cavallo in prodotti a base di manzo, sono stati effettuati dei controlli e in una scuola elementare di Londra sono state trovate tracce di dna di carne di maiale in salsicce halal, la carne macellata secondo i dettami islamici, che quindi escludono categoricamente la presenza di questo alimento. Subito ritirati i prodotti interessati – salsicce di pollo e macinato di manzo – dal menu. Sostiene Coldiretti: “Siamo di fronte ad una frode che travalica i confini commerciali e minaccia le più profonde convinzioni religiose di milioni di cittadini europei che per rispettare i dettami islamici anche a tavola hanno speso più di 50 miliardi di Euro per l’acquisto di cibi halal”.

“In una Europa che deve tutelare le tradizioni dei propri cittadini, di fronte ad uno scandalo che sembra non avere limiti si ripropone con più forza – sottolinea la Coldiretti – l’esigenza di stringere le maglie della legislazione comunitaria contro le truffe anche attraverso l’obbligo di indicare la provenienza in etichetta di tutte le carni. Il mercato dei cibi halal in Italia – conclude la Coldiretti – ha un valore di 5 miliardi di euro ed è in crescita con l’aumento della presenza di cittadini di religione islamica”.

Comments are closed.