Incontro De Girolamo-Commissario UE Borg: si parla di Ogm, etichette e tabacco

Oggi il Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali, Nunzia De Girolamo, ha incontrato presso la sede del Mipaaf il Commissario europeo per la Salute e politica dei consumatori, Tonio Borg. Al centro dell’incontro diverse questioni: l’applicazione negli Stati membri della direttiva sul benessere delle galline ovaiole e della direttiva sul benessere dei suini; la proposta della Commissione sulla coltivazione degli Ogm; l’etichettatura di origine nell’Unione europea e l’applicazione da parte italiana della legge 4/2001. Si è parlato anche della direttiva sui prodotti del tabacco, in particolare della regolamentazione e utilizzo degli ingredienti.

“Sono convinta che attraverso il confronto e il dialogo con la Commissione europea riusciremo a trovare una soluzione condivisa a tutte le questioni aperte che abbiamo affrontato nell’incontro con il Commissario per la Salute Tonio Borg – ha dichiarato il Ministro De Girolamo – Ho trovato nel mio interlocutore quella disponibilità e quella predisposizione alla risoluzione dei problemi indispensabili per un lavoro comune. Ho ribadito al Commissario l’importanza di alcune questioni che sono particolarmente sentite nel nostro Paese. Ho ricordato l’ordine del giorno approvato all’unanimità la settimana scorsa dal Senato sugli Ogm nel quale il Parlamento impegna il Governo ad adottare la clausola di salvaguardia e/o la misura cautelare a tutela della salute umana, dell’ambiente e del modello economico e sociale del settore agroalimentare italiano. Da parte sua il Commissario ha ricordato la proposta di  regolamento – ancora in discussione – che lascerebbe ogni Stato nella possibilità, secondo criteri prestabiliti, di scegliere se coltivare OGM o no. Sul tema dell’etichettatura dei prodotti, quindi, ho sottolineato che in Italia è molto sentita la questione legata alla trasparenza e alla corretta informazione, esigenze sia dei consumatori che dei produttori”. “Ho ricordato al Commissario – ha concluso il Ministro – che bisognerà tenere conto delle esigenze produttive di diverse zone del nostro Paese, senza penalizzare nessuno”.

Comments are closed.