Parlamento Ue si oppone a nuova autorizzazione del mais Ogm

Si ripropone il dibattito sugli ogm, con orientamenti completamente diversi fra le istituzioni europee. Il Parlamento europeo ha infatti approvato ieri una risoluzione (con 403 voti favorevoli, 238 voti contrari e 50 astensioni) che chiede alla Commissione europea di ritirare l’autorizzazione all’uso di mais glisofato tollerante NK603xT25 negli alimenti e nei mangimi. I deputati evidenziano che il glisofato, un erbicida, è classificato dall’OMS come “probabilmente cancerogeno”. E invitano la Commissione a sospendere le autorizzazioni per alimenti e mangimi Ogm finché la procedura di autorizzazione non verrà migliorata.

ogm-4La pronuncia del Parlamento europeo fa seguito alla recentissima decisione della Commissione che ha autorizzato il mais NK603xT25 e l’MON87427 per uso in alimenti e in mangimi. Tutto questo nonostante il Parlamento abbia espresso critiche sul funzionamento della procedura di autorizzazione europea per gli Ogm: i deputati sostengono infatti che da quando l’attuale procedura di autorizzazione degli Ogm è entrata in vigore, ogni decisione di autorizzazione è stata presa dalla Commissione senza il sostegno di una maggioranza qualificata di Stati membri. In questo modo, quella che dovrebbe essere l’eccezione è diventata la norma.

L’opposizione all’uso di mais glifosato tollerante viene fatta sulla base del rischio di cancerogenicità del glifosato, espresso di recente dall’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro (Iarc) che lo ha definito come “probabilmente cancerogeno”. I deputati hanno infatti ricordato che l’erbicida glisofato, tollerato dal mais NK603xT25 (insieme a un altro erbicida, l’ammonio-glufosinato), è stato classificato il 20 marzo 2015 come “probabilmente cancerogeno” per l’uomo dall’Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro dell’Organizzazione mondiale della sanità.

Comments are closed.