Perugia: si è chiusa Altrocioccolato, dove “la giustizia sa di cacao”

Si è conclusa nella serata di ieri, dopo tre giorni intensi, la dodicesima edizione di Altrocioccolato, la manifestazione culturale promossa dall’Associazione Umbria EquoSolidale in collaborazione con CTM Altromercato che anche quest’anno si è svolta a Castiglione del Lago. Una tre giorni dedicati sì alla golosità ma con responsabilità.

Altrocioccolato è stata mostra mercato, laboratorio, workshop, è stata l’occasione per molti di partecipare ad incontri, dibattiti, così come di apprezzare i moltissimi eventi collaterali organizzati come mostre e percorsi sensoriali, concerti lungo le strade, spettacoli circensi e molto altro ancora. Slogan della manifestazione molto accattivante che sottolinea lo spirito dell’iniziativa: “Altrocioccolato, dove la giustizia sa di cacao”.

Come ha commentato nei giorni scorsi il capogruppo regionale dell’Idv Oliviero Dottorini, “pur in un ambito festoso, Altrocioccolato rappresenta l’occasione per veicolare e promuovere un diverso modello di produzione e consumo, basato su relazioni eque e solidali, sul rispetto dell’ambiente e delle risorse naturali, che mette al centro l’etica e il rispetto dei diritti umani e sociali degli individui, ovunque essi vivano”.

Altrocioccolato nasce nel 2001 come contro-manifestazione della ben nota Eurochocolate che si tiene ogni anno nel mese di ottobre nel capoluogo umbro.  Gli organizzatori hanno sempre cercato di coinvolgere diversi punti della regione Umbria: dopo i primi eventi nella città di Perugia, si sono organizzate negli anni successivi manifestazioni nel comune di Gubbio; nel 2010 Altrocioccolato si è spostata a Castiglione del Lago, con “l’intento di portare su un territorio dove non erano presenti botteghe del mondo un’attrattiva capace di contaminare il territorio”.

L’Umbria è stata la prima regione in Italia a dotarsi di una legge regionale sul commercio equo solidale. Nel 2005, infatti, nasceva l’Associazione Umbria EquoSolidale (UES) che nel 2007 ha svolto un ruolo politico e tecnico che ha portato all’approvazione della Legge regionale 3/2007 sul Commercio Equo.

Altrocioccolato aspetta consumatori curiosi e consumatori consapevoli il prossimo ottobre, ma gli organizzatori ricordano che il compito di Ctm e Ues, insieme a quello dei moltissimi volontari, non termina con la manifestazione ma prosegue tutto l’anno attraverso seminari, incontri e il lavoro delle botteghe del mondo dislocate nel territorio umbro.

 

di Valentina Meli

Comments are closed.