Puglia, Forestale: maxi sequestro di prodotti alimentari

Prodotti alimentari contraffatti e mal conservati – quali pasta, taralli, uova e dolci – sono finiti sotto sequestro da parte del Corpo Forestale del comando regionale Puglia. Sulle confezioni c’erano false indicazioni relative alla tipicità, alla provenienza e ai “chilometri zero”. L’attività investigativa per la sicurezza e tutela dei prodotti agroalimentari riguarda un’azienda del sud barese nella quale gli uomini del Nucleo tutela regolamenti comunitari hanno sottoposto a sequestro un ingente quantitativo di prodotti alimentari.

Sulle confezioni di pasta e  taralli erano riportate false indicazioni di provenienza, come “Qualità & Tipicità 100% Made in Puglia”, “Apulia Italy” e “Con ingredienti a chilometri a zero” e “semola di grano duro prodotta nella Murgia Barese Altamurana”. Le indagini hanno appurato che i prodotti erano invece realizzati con ingredienti provenienti da paesi dell’Unione Europea, extra europei e da altre regioni italiane: il grano, ad esempio,  proveniva dal Canada, non dalla Murgia Barese e non era a chilometro zero. Nel corso del controllo in azienda la Forestale ha accertato, inoltre,  la presenza di 10.000 uova sporche di escrementi di gallina, con gusci immaturi, completamente rotti e non conformi alla produzione di alimenti, perché tenute a temperatura ambiente, non idonea alla loro conservazione. I reati contestati sono frode in commercio, detenzione per il commercio di sostanze destinate all’alimentazione non contraffatte né adulterate, pericolose per la salute pubblica e impiego nella preparazione di alimenti di sostanze alimentari in cattivo stato di conservazione.

Un commento a “Puglia, Forestale: maxi sequestro di prodotti alimentari”

  1. antonella ha detto:

    Fate i nomi delle ditte in questi casi.