Estate sicura Nac, De Girolamo: soddisfatta dei controlli

“Fin dall’inizio del mio mandato ho insistito particolarmente sull’importanza dell’attività di controllo e di ispezione nel settore agroalimentare. I dati diffusi dai Nac, relativi all’attività nel corso dell’estate appena trascorsa, danno il senso di quanto il lavoro degli uffici del Mipaaf sia concentrato sulla tutela delle nostre produzioni e sulla loro qualità”. Così il ministro Nunzia De Girolamo ha commentato il bilancio dell’operazione Estate Sicura che i Nac, i Nuclei Antifrodi Carabinieri di Roma, Parma e Salerno del  Comando Carabinieri Politiche agricole e alimentari hanno sviluppato nella stagione estiva attraverso una  fitta rete di controlli straordinari che hanno puntato l’attenzione sulla tracciabilità e sulla etichettatura dei prodotti agroalimentari, nonché sulla commercializzazione dei prodotti con marchi di qualità, Dop, Igp, Stg e Biologico.

Un milione di etichette ed oltre 13 tonnellate di prodotti agroalimentari sequestrati, 3 milioni di euro di illeciti finanziamenti ai danni dell’Unione europea  e dello Stato accertati, 279 aziende controllate e 47 soggetti denunciati.

Particolare attenzione è stata conferita ai controlli su etichettatura e packaging: sono stati sequestrati oltre 930 mila etichette irregolari e 20 mila imballaggi irregolari e con indicazioni ingannevoli. I controlli dei Nac hanno portato alla scoperta di insaccati commercializzati come “prodotti in Italia” ma realizzati con carni di origine olandese o non tracciata; scoperte anche patate etichettate di origine italiana, in realtà risultate provenienti dalla Francia.

“Esprimo il mio apprezzamento per le operazioni condotte e sottolineo come la strada che stiamo seguendo sia quella giusta. Ora bisogna continuare a mantenere alta l’attenzione per scongiurare irregolarità nella tracciabilità e nella etichettatura dei prodotti agroalimentari, ma anche per garantire una trasparente fase di commercializzazione dei prodotti con marchi di qualità e biologici. In questo compito non facile è essenziale la collaborazione tra tutti gli organismi preposti, Nac, ICQRF e Corpo forestale dello Stato. L’immagine dell’Italia non deve essere macchiata dalle illegalità, lo dobbiamo ai nostri consumatori e ai nostri produttori onesti” ha concluso il Ministro.

Comments are closed.