Sgombro contaminato, ilfattoalimentare.it: ecco le marche coinvolte

Primier (lotti L093U, L100U, L101U) e Ocean (lotti L25052012, L077U, L099U, L100U). Sono queste le due marche coinvolte nello scandalo dello sgombro al naturale. I Nas, infatti, hanno disposto il ritiro di circa 80.000 confezioni (32 tonnellate) di sgombro al naturale per una possibile contaminazione da Anisakis, un parassita che può essere comunemente presente in alcuni tipi di pesce fresco, congelato o marinato, tra cui lo sgombro. A darne notizia è ilfattoalimentare.it (ripreso da Altroconsumo). Ecco i possibili rischi per la salute.

L’ingestione di questo parassita risulta rischiosa se la carne di pesce viene consumata cruda. Trattandosi di un prodotto in scatola, quindi presumibilmente sottoposto a sterilizzazione, questo rischio dovrebbe essere perciò scongiurato. Il sequestro potrebbe quindi essere stato disposto per procedere alla ricerca dell’istamina, una sostanza presente negli alimenti in cattivo stato di conservazione.

L’istamina, una sostanza che si forma in alcuni alimenti fermentati e nel pesce (soprattutto se mal conservato), in certi casi può causare malesseri molto simili a quelli che si manifestano in caso di allergia. Per alcuni tipi di pesce come tonno, acciughe e sgombri esistono precisi limiti di legge sul tenore massimo di istamina consentito. Si può evitare il rischio di intossicazione assicurando un’igiene impeccabile durante la lavorazione del pesce e conservandolo in condizioni di refrigerazione. Anche per il tonno in scatola, una volta aperto, la raccomandazione è quella di consumarlo rapidamente.

Comments are closed.