A Bruxelles i Sindaci rinnovano il Patto per ridurre emissioni

E’ giunta alla terza edizione la Cerimonia di firma del Patto dei Sindaci che oggi si svolge a Bruxelles nelle sedi del Comitato delle Regioni e del Parlamento Europeo. Il Patto dei Sindaci è il principale movimento europeo impegnato a realizzare l’obiettivo di aumentare l’efficienza energetica e utilizzare fonti energetiche rinnovabili. Attraverso il loro impegno i firmatari del Patto intendono raggiungere e superare l’obiettivo europeo di riduzione del 20% delle emissioni di CO2 entro il 2020.

Dopo l’adozione del Pacchetto europeo su clima ed energia nel 2008, la Commissione europea ha lanciato il Patto dei Sindaci per avallare e sostenere gli sforzi compiuti dagli enti locali nell’attuazione delle politiche nel campo dell’energia sostenibile.

Grazie ai 263 sindaci che hanno firmato in quest’occasione, le città firmatarie sono più di 3000 – prevalentemente ubicate nei 27 paesi dell’Unione – in rappresentanza di oltre 140 milioni di cittadini europei. Partendo dall’impegno politico del sindaco che sottoscrive il Patto dei Sindaci, le  città investono in un programma ambizioso di azioni locali per l’energia sostenibile. Si adoperano per dare ai propri cittadini migliori condizioni di vita, avvantaggiare l’economia locale e creare nuovi posti di lavoro. I finanziamenti europei, quali i fondi strutturali, devono svolgere un ruolo importante nell’agevolare lo sviluppo delle energie sostenibili a livello locale. Le città hanno bisogno dei mezzi economici per sfoderare il proprio potenziale, per frenare il cambiamento climatico e incoraggiare la ripresa economica in Europa.

Comments are closed.