TopNews. Acqua “Plastic Free”, Legambiente-NaturaSì: abbassare febbre Pianeta

Venerdì scorso, 15 marzo, Greta e le sue migliaia di amici in tutto il mondo, hanno puntato un nuovo faro importante sulla questione ambientale. L’emergenza clima non è più rinviabile e bisogna agire in fretta per invertire la rotta e dare speranza alla Terra per le generazioni che verranno. La spesa quotidiana di ognuno può dare un significativo contributo per fermare la febbre del Pianeta. A partire da uno dei consumi ambientalmente più insostenibili, quello dell’acqua in bottiglie di plastica. Secondo i dati di Legambiente, sono oltre 8 miliardi le bottiglie in plastica vendute ogni anno nel nostro Paese. Gli italiani consumano, primi nel mondo, 206 litri di acqua in bottiglia pro capite l’anno, corrispondenti a 1 milione 165 mila tonnellate equivalenti di CO2 tra produzione e trasporto (elaborazione dati Arpal).

Bottiglie usa e getta che, se smaltite non correttamente, possono avere un costo elevato per l’ambiente, come dimostra il marine litter, la seconda emergenza ambientale globale dopo i cambiamenti climatici. Oltre a inquinare fiumi e mari l’usa e getta delle bottiglie necessita di grandi quantità di acqua: per produrre un chilo di PET, da cui si ricavano venticinque bottiglie da un litro e mezzo, servono 17 litri d’acqua e due di petrolio. Una filiera insostenibile che, sommando tutti i passaggi di produzione e distribuzione, consuma un’energia circa 2.000 volte superiore a quella necessaria per ottenere la stessa quantità d’acqua da un rubinetto collegato a un acquedotto.

NaturaSì – la principale aggregazione di negozi biologici in Italia – ha scelto di inserire nei punti vendita degli “Erogatori dell’Acqua”, erogando direttamente dalla rete idrica acqua opportunamente trattata, grazie al progetto “Plastic Free” ideato assieme a Legambiente e con il Patrocinio del Ministero dell’Ambiente, che è stato presentato oggi a Roma alla presenza di Fabio Brescacin, Presidente di EcorNaturaSì e Stefano Ciafani, Presidente di Legambiente.

È da tempo che cerchiamo una soluzione per togliere l’acqua in bottiglia di plastica dai nostri negozi”, spiega Fabio Brescacin, presidente di EcorNaturaSì. “Da oggi i primi 50 negozi NaturaSì apriranno un settore acqua libero dalla plastica per arrivare a 100 negozi entro la fine dell’anno. Questo traguardo, che interessa circa un terzo della rete di NaturaSì, porterà a un risparmio di quasi 1 milione e 300 mila bottiglie di plastica nell’ambiente e una diminuzione di oltre 190 tonnellate di CO2 equivalente nell’atmosfera. Si tratta di un piccolo passo ma crediamo fortemente di poter fare da apripista per un percorso di liberazione dalla plastica per uno dei prodotti più inquinanti e – in assoluto – di minore giustificazione di consumo”.

“Dopo la grande mobilitazione mondiale del Global Strike for future del 15 marzo servono azioni concrete per avviare la rivoluzione per salvare il pianeta”, afferma Stefano Ciafani, Presidente nazionale di Legambiente. “Questa nuova iniziativa assieme a Naturasì, dopo quella promossa sulle retine riutilizzabili per l’ortofrutta per ridurre l’uso dei sacchetti monouso, va proprio in questa direzione. È un nuovo passo in avanti per praticare concretamente la strategia europea per la lotta all’inquinamento da plastica, al centro della direttiva europea sul monouso che è in via di approvazione definitiva. Quello che serve sono ora politiche istituzionali e interventi in favore dell’acqua di rubinetto, più sicura e più controllata di quella in bottiglia, e per la tutela della risorsa idrica, oggi messa a dura prova anche dai cambiamenti climatici e dalle continue emergenze siccità”.

Gli erogatori dell’acqua installati nei negozi NaturaSì consentiranno di abbandonare l’acqua in bottiglia di plastica grazie all’azione combinata di vari filtri e di uno specifico attivatore che migliorerà la qualità dell’acqua erogata. “L’acqua”, conclude Brescacin, “è la base della vita, oltre a essere pura deve essere ‘vitale’. In tutti i negozi facciamo le analisi per accertare la qualità in entrata e in uscita dell’acqua stessa e usiamo processi che ne mantengono le qualità intrinseche senza devitalizzarla”.

“Per fare la rivoluzione, servono i rivoluzionari”, afferma Ciafani sottolineando l’effetto che si potrebbe ottenere se ciascuno agisse nel quotidiano per eliminare la plastica dei nostri stili di vita.

 

Notizia pubblicata il 20/03/2019 ore 17.23

Comments are closed.