Bike sharing: a Milano 12mila bici condivise a flusso libero

Si chiamano Mobike e Ofo e sono i due operatori cinesi che da un paio di settimane e nei prossimi mesi gestiranno il nuovo servizio di bike sharing a flusso libero messo a bando dal Comune di Milano. 12mila le bici a disposizione dei cittadini entro la fine dell’anno. Ma come funziona? Si scarica un’app gratuita, si cerca la bici, si usa e la si lascia dove si vuole, senza obbligo di parcheggio in rastrelliera. Il costo, in questa fase di lancio, è di 30 centesimi ogni mezz’ora, in seguito potrebbe salire a 0,50 centesimi. Le bici sono dotate di sistema Gps che consentono la localizzazione, evitando furti.

Unico vincolo: non “abbandonare” la due ruote in modo che costituisca intralcio a veicoli e pedoni e non lasciarla in divieto di sosta. “Le biciclette” fa sapere il Comune di Milano “potranno essere parcheggiate lungo i bordi delle strade laddove non ci sia sosta riservata o divieto e in tutte le aree di sosta per velocipedi presenti in città: oltre 670 postazioni per un totale di 8.300 posti (in stalli o rastrelliere) diffusi sul territorio. Circa 1.000 posti in più sono già stati programmati dall’Amministrazione e saranno realizzati entro la fine di quest’anno. Inoltre, più di 400 posti saranno dedicati esclusivamente alle bici in condivisione a flusso libero e saranno localizzati in tutta la città”.

Un passo importante per Milano” fa sapere il Comune “che così potenzia lo strumento dello sharing e soprattutto lo allarga a tutta la città, rispondendo ad una delle richieste che sempre più spesso arriva dai cittadini e ad uno degli obiettivi del Piano urbano della mobilità sostenibile. L’utilizzo condiviso della bicicletta negli spostamenti in città, sia in modo esclusivo sia abbinato al trasporto pubblico, contribuirà a diminuire ancora quel 30% dei milanesi e il 58% di chi viene da fuori città che utilizzano abitualmente l’auto privata, aiutando la città ad essere meno congestionata e ad avere un’aria più pulita”.

di Marianna Castelluccio

lascia un commento