Bonus riqualificazione energetica, Federconsumatori: è necessario

Il Governo sta lavorando ad un provvedimento che consenta di prorogare di sei mesi la detrazione del 55% per la riqualificazione energetica e quella del 50% per le ristrutturazioni. L’intoppo c’è ed è, come sempre, di natura finanziaria in quanto – secondo alcune fonti giornalistiche – servono circa 400 milioni di euro: quasi 100 milioni per il 55% e 300 milioni per il 50%. Non mancano i sostenitori delle detrazioni. Come Federconsumatori secodno cui “non ci sono alternative alla stabilizzazione delle detrazioni e alla certificazione energetica maggiormente vincolante, indispensabili per un miglioramento del patrimonio abitativo e dell’efficienza energetica”.

“E’ necessario rendere stabile il bonus del 55% per la riqualificazione energetica degli edifici (in scadenza il 30 giugno 2013) e del 50% per le ristrutturazioni edilizie (che in mancanza di tale bonus si ridurranno al 36%). Si tratta di un’opportunità che il Governo non deve farsi sfuggire per imprimere una svolta positiva alla crescita ed all’occupazione nel nostro Paese. Inoltre è fondamentale includere in tale operazione anche la messa in sicurezza post terremoto e recepire la direttiva UE sull’efficienza energetica in edilizia” – dichiara Mauro Zanini, vicepresidente Federconsumatori.

L’Associazione ne fa anche una questione di portafoglio: “I risparmi stimati sulle bollette sono tra il 10% e il 50%, sia per gli immobili da riqualificare che per le nuove costruzioni. Cifre consistenti, soprattutto considerando i livelli record raggiunti dalle tariffe di energia elettrica e gas”.

Un commento a “Bonus riqualificazione energetica, Federconsumatori: è necessario”

  1. SILVA ha detto:

    È indispensabile chiarire bene che cosa bisogna fare per potere avere questo bonus,detrazione fiscale del 55% o del 65% quali documenti sono necessari, quali procedure bisogna seguire, su quali moduli bisogna scrivere e a chi bisogna inviare il tutto.
    Grazie