TopNews. Buone e cattive acque: il viaggio di Legambiente nel corpo idrico italiano

Chiare, fresche e dolci acque? Se si prendono in considerazione le storie di diversi fiumi, laghi e falde della Penisola, l’incipit del Canzoniere di Petrarca dovrebbe essere decisamente essere rivisto, soprattutto alla luce dei dati raccolti dal report di Legambiente “Buone e cattive acque” che raccontano lo stato di salute delle risorse idriche dell’Italia troppo spesso inquinate, sprecate, e poco tutelate.

A parlare chiaro sono i dati. In base ai monitoraggi eseguiti per la direttiva Quadro Acque, nel quinquennio 2010-2015 lo stato attuale dei corpi idrici italiani – secondo gli ultimi dati Ispra – vede nella Penisola solo il 43% dei 7.494 fiumi in “buono o elevato stato ecologico”, il 41% al di sotto dell’obiettivo di qualità previsto e ben il 16% non ancora classificato. Ancora più grave la situazione dei 347 laghi, di cui solo il 20% è in regola con la normativa europea mentre il 41% non è stato ancora classificato. Lo stato chimico non è buono per il 7% dei fiumi e il 10% dei laghi, mentre il 18% e il 42% rispettivamente non è stato classificato. La maggior parte dei fiumi non classificati si trova nei distretti idrografici dell’Appennino Meridionale e della Sicilia (55% e 56% rispettivamente), così come per i laghi (73% e 84% rispettivamente).

“Oggi più che mai”, spiega Giorgio Zampetti, direttore generale di Legambiente, “risulta evidente come sia necessario un nuovo approccio gestionale sul tema dell’acqua, con piani strategici che puntano ad eliminare gli scarichi inquinanti e a ridurre i prelievi, una misura necessaria per far fronte ai cambiamenti climatici e all’emergenza siccità scatta anche in questi giorni a partire dal bacino del Po. È inoltre importate definire strumenti di partecipazione adeguati (come i contratti di Fiume e i contratti di Lago), che coinvolgano settori pubblici e privati, istituzioni, associazioni, cittadini, tecnici ed esperti per individuare le criticità e le politiche da mettere in campo. Per garantire misure risolutive calibrate sulle problematiche specifiche di ciascun bacino idrografico, è necessario completare la rete dei controlli ambientali, e uniformare su tutto il territorio nazionale il monitoraggio. Il cambiamento necessario passa, dunque, attraverso alcune parole chiave come riqualificazione dei corsi d’acqua e rinaturalizzazione delle sponde, contrasto all’impermeabilizzazione dei suoli, miglioramento del trattamento di depurazione e implementazione del riutilizzo delle acque a 360° (dai fini industriali a quelli irrigui e domestici), rafforzamento dei controlli ambientali, innovazione e completa attuazione delle direttive europee, a partire da 2000/60”.

Ma la tutela della risorsa idrica passa anche attraverso una corretta depurazione dei reflui fognari. “Il nostro Paese”, aggiunge Andrea Minutolo, coordinatore dell’ufficio scientifico di Legambiente, “non riesce ad uscire da questa persistente emergenza che ha portato l’Italia ad avere quattro procedure di infrazione di cui le prime due già sfociate in condanna, la terza in fase di deferimento alla Commissione europea e l’ultima in fase di messa in mora. Questi ritardi indicano in primis la necessità di riqualificare o costruire impianti, di investire sulla ricerca e lo sviluppo di sistemi innovativi, e di migliorare il trattamento delle acque industriali, evitando il mescolamento dei reflui industriali con quelli civili”.

Fortunatamente, non si naviga solo in “cattive acque”. Ci sono anche storie di buone pratiche e di “acque salvate” che mettono al centro la tutela di questa preziosa risorsa: come ad esempio i progetti che diventano strumenti di governance partecipata e riqualificazione ecologica come quello del sottobacino Lambro Settentrionale, come Volontari per Natura, il grande progetto nazionale di citizen scienze che coinvolge volontari di tutta Italia attraverso  cinque campagne di monitoraggio , tra cui quella sulla qualità dell’acqua, con la mappatura del beach litter, la ricerca di scarichi sospetti in mare e nei laghi, il campionamento delle acque dei fiumi, piuttosto che il progetto VisPo, che coinvolge giovani volontari under 30 in attività di pulizia valorizzazione delle sponde del fiume Po e dei suoi affluenti nel territorio piemontese. E poi il progetto “BrianzaStream”, in fase di sperimentazione, che attraverso l’utilizzo di droni dà la “caccia” agli scarichi inquinanti che si riversano nel fiume Seveso e nel suo affluente Certesa.

 

Notizia pubblicata il 21/03/2019 ore 17.00

Comments are closed.