Combustibili puliti in tutta Europa, Commissione UE lancia pacchetto “Energia pulita”

In arrivo, in tutta Europa, stazioni di rifornimento con combustibili puliti. La Commissione Europea cerca di spezzare quel circolo vizioso, fatto di costi elevati e difficoltà di rifornimento (vista la scarsità delle stazioni di servizio) che ostacola la diffusione di combustibili alternativi. Lo fa lanciando il pacchetto “Energia pulita per il trasporto” che garantirà la nascita di stazioni di servizio con combustibili puliti in tutti i Paesi europei.

In sostanza la Commissione propone una serie di misure ed obiettivi vincolanti per gli Stati membri che dovranno dotarsi di un livello minimo di infrastrutture per combustibili puliti quali energia elettrica, idrogeno e gas naturale, e standard comuni a livello UE per le attrezzature necessarie. Il pacchetto è composto da una comunicazione relativa a una strategia europea per i combustibili alternativi, una direttiva incentrata sulle infrastrutture e sulle norme e un documento di accompagnamento che descrive un piano d’azione per lo sviluppo di gas naturale liquefatto (GNL) nel trasporto marittimo.

I Paesi saranno in grado di attuare questi cambiamenti senza dover necessariamente ricorrere alla spesa pubblica, mediante la modifica di norme locali che promuovano gli investimenti e l’orientamento del settore privato. L’UE offre già il proprio sostegno attraverso i fondi TEN-T, strutturali e di coesione. Siim Kallas, Vicepresidente e Commissario responsabile per i Trasporti, ha dichiarato: “Lo sviluppo di combustibili innovativi e alternativi è un modo efficace per rendere l’economia europea più efficiente sotto il profilo delle risorse, ridurre l’eccessiva dipendenza dal petrolio e sviluppare un settore dei trasporti pronto a rispondere alle esigenze del XXI secolo. La Cina e gli Stati Uniti prevedono che entro il 2020 circoleranno complessivamente più di sei milioni di veicoli elettrici. Si tratta di una grande opportunità per l’Europa di assicurarsi una posizione solida in un mercato globale in rapida crescita.”

Le principali misure proposte sono:

Energia elettrica: la situazione relativa ai punti di ricarica varia sensibilmente all’interno dell’UE. I paesi leader sono Germania, Francia, Paesi Bassi, Spagna e Regno Unito. Il pacchetto stabilisce per ogni Stato membro un numero minimo di punti di ricarica che utilizzeranno lo stesso tipo di connettore. Un connettore universale a livello UE è un elemento essenziale per la diffusione di questo combustibile. La Commissione ha annunciato l’uso del connettore di tipo 2 come standard comune per tutta l’Europa.

Idrogeno: Germania, Italia e Danimarca dispongono già di un numero significativo di stazioni di rifornimento di idrogeno, anche se alcune non sono accessibili al pubblico. Per alcuni elementi, come ad esempio i tubi per carburante, sono ancora necessarie norme comuni. Il pacchetto propone di collegare tra loro le stazioni di servizio esistenti, in modo da formare una rete soggetta a norme comuni che garantiscano la mobilità dei veicoli a idrogeno. Questo vale per i 14 Stati membri che dispongono attualmente di una rete per l’idrogeno.

Biocarburanti: rappresentano già quasi il 5% del mercato. Funzionano come combustibili miscelati e non richiedono alcuna infrastruttura particolare. Una delle sfide principali consisterà nell’assicurare la loro sostenibilità.

Gas naturale liquefatto (GNL) e compresso (GNC): il GNL viene utilizzato per il trasporto per via d’acqua, sia marittimo che per vie navigabili interne. Le infrastrutture per il rifornimento di GNL per le navi sono ancora in fase iniziale: soltanto la Svezia è provvista di alcune infrastrutture per navi marittime e altre sono previste in vari Stati membri. La Commissione propone che vengano installate stazioni di rifornimento di GNL in tutti i 139 porti marittimi e interni della rete centrale transeuropea rispettivamente entro il 2020 e il 2025. Non si tratta di importanti terminal di gas, bensì di stazioni di rifornimento fisse o mobili. Il gas naturale liquefatto è utilizzato anche per gli autocarri, ma nell’UE ci sono soltanto 38 stazioni di servizio. La Commissione propone che, entro il 2020, vengano installate stazioni di rifornimento ogni 400 km lungo le strade della rete centrale transeuropea. Il GNC, invece, è utilizzato principalmente per le autovetture (attualmente è utilizzato da un milione di veicoli, pari allo 0,5% del parco automobilistico). La proposta della Commissione garantisce che, entro il 2020, siano disponibili in tutta Europa punti di rifornimento accessibili al pubblico, con norme comuni e ad una distanza massima di 150 km.

Per il GPL, gas di petrolio liquefatto, non è prevista alcuna azione poiché le infrastrutture di base esistono già.

Comments are closed.