Discarica Bussi, acqua contaminata per 700mila persone

Allarmanti le analisi contenute nella relazione dell’Istituto Superiore di sanità depositata ieri: una discarica di veleni tossici dell’ex polo chimico Montecatini Edison di Bussi avrebbe contaminato l’acqua distribuita a 700mila persone senza alcun controllo, coinvolgendo anche ospedali e scuole. Il Codacons sta studiano azioni legali per ottenere un risarcimento fino a 10mila euro a famiglia.

“I risultati di questa ricerca non lasciano spazio all’immaginazione – spiega l’associazione – 700mila cittadini abruzzesi sono stati costretti ad utilizzare acqua velenosa, con gravissimi rischi per la propria salute. La popolazione locale ha diritto ora ad essere risarcita non solo per la mancata informazione loro resa, ma anche e soprattutto per i gravissimi pericolosi corsi, considerata la tossicità delle sostanze contenute nell’acqua”.

Nelle prossime ore sul sito www.codacons.it saranno pubblicate info e modulistica per fornire l’adesione all’azione risarcitoria.

Comments are closed.