Ecobonus esteso a lavori antisismici, Legambiente: scelta di civiltà

Il decreto legge sugli ecobonus è in dirittura d’arrivo: approvato con una serie di emendamenti venerdì scorso dalla Commissione Ambiente della Camera, oggi è in discussione in Aula. Una delle novità più importanti è l’estensione delle detrazioni fiscali (al 65%) anche ai lavori di ristrutturazione finalizzati, anche preventivamente, a rendere antisismica la propria abitazione. 

”Importante risultato l’estensione dell’eco-bonus del 65% per il risparmio energetico in edilizia anche alla prevenzione antisismica a partire da un mio emendamento sottoscritto da tutta la Commissione Ambiente e come chiesto all’unanimità con una risoluzione dalla stessa Commissione Ambiente della Camera – ha commentato Ermete Realacci, presidente della Commissione Ambiente, Territorio e Lavori Pubblici della Camera – Ora l’obiettivo è la stabilizzazione e l’estensione dell’eco-bonus a partire dal 2014, come più volte promesso sia dal Ministro Lupi che dal Ministro Orlando”.

“Un provvedimento lungimirante e di civiltà – ha commentato il presidente nazionale di Legambiente Vittorio Cogliati Dezza – Una scelta di grande importanza di cui va dato merito al Presidente della Commissione Ambiente della Camera Realacci, che in questi mesi si è sempre battuto per la messa in sicurezza del territorio, del patrimonio edilizio italiano e per la sua riqualificazione energetica. Puntare sulla prevenzione significa rilanciare e riqualificare l’edilizia e creare occupazione contribuendo a far uscire l’Italia dal periodo di forte crisi che sta vivendo. Al Governo Letta e al Parlamento chiediamo ora l’impegno di stabilizzare finalmente gli incentivi, per dare un segnale chiaro al settore delle costruzioni e al Paese favorendo così una crescita basata sulla qualità e la green economy”.

Comments are closed.