Da domani a domenica Legambiente in piazza con ‘Ridurre si può’

Da domani fino a domenica, Legambiente sarà in tutte le piazze italiane con la sua campagna dedicata alle buone pratiche per la riduzione di rifiuti. Giunta alla quinta edizione, ‘Ridurre si può’ rientra nell’ambito della Settimana Europea per la riduzione dei rifiuti (fino  al 25 novembre), che vede Legambiente nel comitato promotore italiano. Saranno tante le eco-iniziative promosse dai volontari di Legambiente: dalle iniziative fuori dai supermercati per liberare la spesa dei clienti dagli imballaggi inutili ai mercatini del baratto, dai laboratori didattici per bambini a quelli del riuso, dalla promozione delle esperienze di vendita alla spina alle campagne di promozione dell’uso dell’acqua “del Sindaco”. Iniziative ideate per richiamare l’attenzione dei cittadini sulla necessità di ridurre drasticamente i rifiuti prodotti, optando per uno stile di vita più ecosostenibile. E il messaggio che lancia l’associazione ambientalista è chiaro: ognuno di noi può e deve svolgere un ruolo attivo nella prevenzione e riduzione dei rifiuti attraverso azioni virtuose e buone pratiche.

Se sul riciclaggio da raccolta differenziata l’Italia sta recuperando i ritardi del passato, sulla prevenzione le cose non stanno negli stessi termini. La produzione nazionale dei rifiuti urbani si è attestata nel 2010 a circa 32,5 milioni di tonnellate, con una crescita dell’1,1% rispetto al 2009. Dal 2000 al 2009 la produzione italiana di rifiuti è aumentata del 6%, mentre è diminuita nel resto d’Europa del 2%, con punte del 9% in Germania e Regno Unito.

Accanto alle iniziative locali promosse numerose nel corso dei tre giorni, quest’anno Legambiente ha inviato ai comuni un decalogo con dieci proposte per la prevenzione della produzione dei rifiuti su scala locale. I dieci consigli che l’associazione rivolge alle amministrazioni comunali sono:

1-       Diffondere prima la raccolta domiciliare e poi la tariffazione puntuale,

2-       Fermare la diffusione dei sacchetti non compostabili,

3-       Diffondere la pratica del compostaggio domestico,

4-       Promuovere il consumo di acqua di rubinetto,

5-       Promuovere il consumo di acqua di rubinetto,

6-       Fare acquisti verdi per le spese comunali,

7-       Trasformare le sagre in ecofeste,

8-       Definire accordi con catene di distribuzione e commercianti per promuovere la legge del ‘Buon Samaritano,

9-       Promuovere il riuso,

10-   Promozione della riduzione rifiuti e raccolta differenziata presso i grandi produttori.

Comments are closed.