Emilia Romagna, Legambiente soddisfatta per intesa che ferma inceneritori

Intesa tra la Regione Emilia Romagna e le multiutility Iren ed Hera sullo stop all’ampliamento degli inceneritori di Parma e Forlì. E’ di oggi la notizia di un accordo che sembra mettere la parola fine a questa storia. In una nota la Regione comunica di aver raggiunto l’accordo “per limitare l’utilizzo degli impianti dimensionati per assicurare esclusivamente l’autosufficienza regionale, secondo le esigenze dei rispettivi ambiti territoriali di gestione”.

Una notizia che arriva proprio il giorno prima della manifestazione indetta a Parma per chiedere lo stop alla richiesta dell’ampliamento dell’inceneritore, a seguito dell’approvazione dello Sblocca Italia. Legambiente, rimanendo cauta in attesa di leggere i dettagli della notizia, esprime soddisfazione per l’accordo raggiunto, che se fatto rispettare in maniera chiara e definitiva, è il primo passo per un ritorno del primato della politica sulle multiutility nostrane, troppo spesso in antitesi con gli interessi di territori e cittadini. Nonostante il passo indietro dei due colossi, resta la pessima figura rimediata agli occhi dei cittadini da Iren ed Hera.

Questa notizia si affianca all’approvazione in giunta della legge di iniziativa popolare sulla corretta gestione dei rifiuti, promossa da Legambiente assieme ad altre associazioni ambientaliste ed oltre 60 comuni della regione, arriva oggi quest’altra buona notizia. Due esiti che premiano l’impegno e la mobilitazione dal basso di associazioni, enti e cittadini.

Comments are closed.