Hera esca dal carbone, associazioni scrivono a sindaci azionisti della multiutility

Mentre in Emilia Romagna gli enti pubblici si oppongono alla confinante centrale a carbone di Porto Tolle sul Delta Veneto, Hera, la principale azienda a controllo pubblico della Regione, supporta progetti similmente dannosi in altre regioni d’Italia. Per porre fine a questo preoccupante paradosso, associazioni e comitati hanno scritto a tutti i Sindaci azionisti del Gruppo Hera, chiedendo l’uscita dell’azienda partecipata dal progetto della centrale a carbone a Saline Joniche in Calabria.

Il gruppo Hera infatti partecipa con il 20% del capitale al consorzio SEI, costituito nel 2007 per il progetto di costruzione di una centrale a carbone a Saline Joniche (RC), di cui sono parte anche a Repower che vi partecipa con il 57, 5%, Foster Wheeler Italiana S.r.l. che ne detiene il 15%, e Apri Sviluppo S.p.a. il 7,5%.

Il carbone è il combustibile a maggior produzione di CO2 e quello con maggiori emissioni inquinanti locali, la produzione di energia elettrica da carbone risulta una delle minacce più forti alla lotta ai cambiamenti climatici. È per questo che anche la comunità dell’Emilia Romagna si è opposta a questa tecnologia con una risoluzione del Consiglio Regionale contro la riconversione della centrale Enel a Porto Tolle, sul delta del Po. Che i Comuni dell’Emilia Romagna promuovano in altre regioni, seppur indirettamente tramite la propria partecipata Hera, una politica energetica sbagliata e dannosa, che sono disposti a combattere a casa propria, è quindi inaccettabile. E la gravità di una tale scelta è anche più evidente in questi giorni, dopo il sequestro da parte della magistratura di Savona della centrale Tirreno Power di Vado Ligure, alla quale Hera – ancora una volta – partecipa con il 5,5% di quote.

I firmatari della lettera, Coordinamento Emilia Romagna Comitati Acqua Bene comune, Legambiente, WWF Emilia Romagna, GREENPEACE Italia, RE:COMMON, Comitato Sì alle Energie Rinnovabili – No al Nucleare, chiedono quindi che la politica eserciti il proprio ruolo di pieno controllo sull’azienda, e danno appuntamento alla cittadinanza e alle Istituzioni a Bologna il 5 aprile p.v., a partire dalle 9:30 presso la Sala dello Zodiaco in via Zamboni 13, per un incontro pubblico.

 

Un commento a “Hera esca dal carbone, associazioni scrivono a sindaci azionisti della multiutility”

  1. Costante ha detto:

    E se causa le conseguenze di CRIMEA la Russia ci riduce il gas, come facciamo? Incrementando indirettamente l’atomo? visto che compriamo energia da nucleare nei paesi adiacenti.
    Riduciamo il carbone quando siamo ben sicuri di come andiamo a sostituirlo in maniera conveniente (il solare per ora ci costa spaventosamente di più di quanto pensiamo, sia in termini economici che ecologici,e lo stiamo pagando ORA, TUTTI, anche se molti rifiutano di constatarlo). Impariamo frattanto a far inquinare meno il carbone.